“Siamo venuti a conoscenza che il direttore generale della Rai Lorenza Lei avrebbe comunicato al direttore di Raiuno Mauro Mazza e Gianmarco Mazzi direttore artistico del festival di Sanremo che Adriano Celentano sarebbe fuori dal Festival di Sanremo 2012″. Firmato “Clan Celentano”. Il comunicato è breve, ma la notizia fa subito il giro della rete. Secondo quanto postato da Claudia Mori, moglie dell’artista, sul sito ufficiale, Adriano Celentano sarebbe stato estromesso dal Festival di Sanremo. E per mano dei massimi vertici del servizio pubblico.

Per tutto il giorno il balletto delle agenzie di stampa provoca la reazione sdegnata del “Clan”. Scrive l’Adnkronos: “A quanto si apprende in ambienti Rai, dietro le difficoltà legate al raggiungimento di un accordo tra Celentano e la Rai per la sua partecipazione al Festival di Sanremo, vi sarebbero “una serie condizioni progressivamente poste dall’artista e dai suoi rappresentanti, alcune delle quali non sarebbe possibile accogliere in quanto non coerenti con gli interessi aziendali”. Ma rimarrebbe da parte della Rai la volontà di avere il Molleggiato a Sanremo e per questo “starebbero proseguendo le trattative per concludere positivamente l’accordo nelle prossime ore”. Sempre a quanto si apprende, “in nessun modo la Rai avrebbe posto un controllo editoriale sugli interventi di Sanremo, tant’è che sul tema specifico le parti avrebbero già trovato l’accordo su una formulazione che lascerebbe piena libertà all’artista, fermo ovviamente restando il rispetto della legge e del Codice Etico della Rai cui sono legati tutti i dipendenti ed i collaboratori dell’azienda”. E’ probabile a questo punto che l’oggetto del contendere siano le interruzioni pubblicitarie degli interventi di Adriano su palco dell’Ariston. Secca la smentita della Mori: “Smentiamo quanto affermato in tal agenzia dagli “ambienti RAI” che palesano la solita “manfrina”, quando si trovano a trattare con personaggi “scomodi” come Adriano Celentano che, in cuor loro, non vorrebbero mai che apparisse sulle loro reti e per giustificarlo cercano motivazioni non veritiere”.

Secondo l’Agi invece “la Rai vuole Adriano Celentano al prossimo Festival di Sanremo ma la situazione sta avendo un’evoluzione incerta in fatto di sottoscrizione dell’accordo perché da parte dell’artista e dei suoi rappresentanti verrebbero avanzate, una dietro l’altra, condizioni, tra cui alcune non accoglibili dalla Rai, perché non coerenti con gli interessi aziendali. Insomma, viene alzato di continuo il ‘prezzo’ per partecipare da superospite alla rassegna”. Insomma, si tratterebbe banalmente di soldi. Un’ipotesi respinta dal sito dell’artista: “La volgarità e le menzogne, che respingiamo in toto, scritte in questa agenzia da parte dei cosiddetti ambienti Rai, ben rappresentano ancora oggi con quali metodi la Rai agisce quando un artista o una persona gli è particolarmente invisa. Peccato pero che noi di, ciò che denunciamo, abbiamo le prove”.

La trattativa ha impegnato e sta impegnando le parti su altri aspetti ma in casa Rai – come conferma all’Agi il direttore delle Risorse televisive Valerio Fiorespino – dovrebbe chiudersi nelle prossime 24, al massimo 48 ore. “Sono ottimista, sono stati compiuti passi da gigante, speriamo di chiudere nell’arco di tempo indicato”, sottolinea Fiorespino. Il quale riconosce che si tratta di un contratto “difficile e complicato”, aggiungendo “mi stupisce che proprio la sera in cui abbiamo fatto grandi progressi ecco arrivare le polemiche. E’ un peccato, avvelena l’aria che invece si respirava bene”. La conferma della “fase cruciale della trattativa” arriva anche dal direttore di Raiuno, Mauro Mazza, che si è detto “molto ottimista”: “Quando si arriva ad un momento cruciale di una trattativa delicata, ci sono quasi sempre troppo nervosismo e qualche frase fuori luogo – dice Mazza – ma sono convinto che la volontà della Rai di avere Adriano Celentano a Sanremo e l’identica volontà del ‘Molleggiato’ di essere all’Ariston si trasformeranno molto presto in un accordo formale”. E il direttore di Raiuno precisa che quando parla “molto presto” intende dire “nelle prossime ore. E’ qualcosa in più di un semplice ottimismo”.