Monti a Tripoli per riallacciare i rapporti tra Italia e Libia, dopo la caduta del regime di Gheddafi e del governo Berlusconi. “L’Italia per lunghi anni è stata un partner importantissimo per il nostro Paese”, ha affermato il premier del Cnt libico, Abdel Rahim Al Kib, a colloquio con il Presidente del Consiglio, il ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola e degli Esteri Giulio Terzi. “Le nostre relazioni sono andate oltre l’economia – ha aggiunto Al-Kib – e questo rapporto sarà sicuramente forte anche in futuro”. Monti ha ricordato che “l’Italia ha contribuito al successo della rivoluzione e ha dato la convinta disponibilità per la stabilizzazione democratica e la ricostruzione della Libia”.

Il presidente del Consiglio ha quindi annunciato che è stata siglata una lettera d’intenti tra i ministri della Difesa di Italia e Libia. Il documento, ha sottolineato Monti, prevede la “conferma delle relazioni speciali tra Italia e Libia, il sostegno alla stabilizzazione democratica, alla ricostruzione della Libia e la disponibilità delle Forze Armate italiane all’avvio di una collaborazione nel settore della sicurezza attraverso interventi a medio e lungo termine”. In particolare Di Paola ha stabilito, con il collega libico Osama al-Juwali, che il nostro paese s’impegnerà a promuovere la cooperazione nell’assistenza alle autorità della Nuova Libia. Oltre 100 soldati italiani saranno inviati in territorio libico per addestrare le nuove truppe di Tripoli, mentre 250-300 militari libici verranno in Italia per seguire dei corsi di formazione. L’Italia s’è impegnata anche a compiere l’attività di sminamento delle aree a rischio nel Paese, la bonifica dei porti (tra cui Tripoli e Misurata), dei materiali e relitti legati alla guerra nonché il controllo elettronico dei confini.

Presente nella capitale libica anche Paolo Scaroni, amministratore delegato di Eni, che ha partecipato agli incontri tra i ministri e ha siglato l’intesa di “far arrivare la produzione di petrolio in Libia a 300mila barili al giorno, con una prospettiva di ulteriore crescita”.

E in giornata è stato riaperto ufficialmente il nuovo consolato italiano a Tripoli: “Il rapporto di amicizia tra Italia e Libia resta forte – ha sottolineato al-Keib – e la richiesta di perdono per il colonialismo resta valida ed è accettata”. E la volontà del presidente del Consiglio, Mario Monti, di coinvolgere la Libia sempre di più nei processi di integrazione del Mediterraneo si è espressa anche con l’invito, da parte del Ministro Terzi rivolto al suo omologo Ashour bin Khayal, al vertice del Mediterraneo del 5+5 del 20 febbraio a Napoli. Obiettivo del titolare della Farnesina è quello di “incoraggiare il processo di integrazione nella regione che favorisce lo sviluppo e che è nell’interesse dell’Italia e dell’Europa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Enigate

di Claudio Gatti 15€ Acquista
Articolo Precedente

Usa, primarie repubblicane: per i sondaggi
in South Carolina il favorito è Newt Gingrich

next
Articolo Successivo

Venti bombe e 160 morti, l’escalation di Boko Haram in Nigeria

next