Si vedono a pranzo, dialogano, si corteggiano, si mettono d’accordo sulle riforme e sull’ipotesi di una legge elettorale. Alfano, Bersani e Casini (ormai soprannominati abc) sostengono Mario Monti, ipotizzano scenari futuri ma non si definiscono una maggioranza. O almeno preferiscono non farlo i primi due, appartenenti fino a poco tempo fa a schieramenti opposti. Ma la coda del trio, Pier Ferdinando Casini, ironizza su twitter: “Non si può chiamare maggioranza politica? Allora chiamiamola Andrea!”.

E “Andrea” stamattina ha già prodotto una mozione unitaria sulla Giustizia, approvando la relazione del ministro Paola Severino, che per la prima volta mette tutti d’accordo essendo spariti riferimenti a leggi bavaglio, intercettazioni, lodi e prescrizioni. Se il governo Monti sembra più vicino alle posizioni di Alfano e Casini, Bersani fa di tutto per non scendere dal carro.

Ma è un inciucio o una  grande coalizione che serve al paese?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lega Nord, mozione di sfiducia per Passera: “Liberalizzazioni solo a danno dei piccoli”

prev
Articolo Successivo

Piemonte, blitz leghista per annullare
il referendum sulla caccia

next