Nella brillante operazione antievasione di Cortina, dove una serie di “polli” – che credevano di essere onnipotenti e che gli italiani fossero tutti cretini – sono stati individuati dai nostri ispettori del fisco, sono da rilevarsi due aspetti (apparentemente) contraddittori del fenomeno “evasione fiscale”.

Da un lato, la manifestazione “classica” dell’identikit dell’evasore: quello che possiede mezzi sproporzionati rispetto al dichiarato, dimenticando che in Italia i beni mobili cosiddetti “registrati” (auto, barche, aeromobili, etc.) sono iscritti in pubblici registri; ma che lo sono anche le dichiarazioni dei redditi, gli immobili a qualsiasi titolo posseduti, i conti correnti bancari, le polizze e i prodotti finanziari (o, se più piace, gli investimenti) sottoscritti presso gli intermediari finanziari. Nell’altro, l’essenza delle “valigette di contante”, che nella metafora del denaro “nero” o “sporco” rappresentano il contenitore – alternativo alla tasca o al portafogli – del mezzo di pagamento occultabile per definizione.

Non è così, come noto.

Nessuna valigetta; solo la prova di acquisti e proprietà di valore assolutamente sproporzionate rispetto al reddito dichiarato. Nessuno, a quanto pare, è stato fermato – anche perché non si potrebbe – con più di mille euro in tasca, o mentre se li spendeva in negozio. Così come nessuno (o pochissimi) degli evasori fiscali ad oggi individuati ha “possedimenti” di contante, ovvero acquista barche e Suv in contanti. L’evasore, come il mafioso, fa bonifici, assegni, e usa la carta di credito.

Il limite dei mille euro imposto dall’ultima manovra del Governo ad oggi ha un solo effetto certo: obbligherà pensionati di ogni tipo che finora, legittimamente, non hanno voluto o potuto farlo, a recarsi al più presto in banca o alla posta ad aprire conti correnti che avranno un costo e che risulteranno strumentali al godimento di un diritto e non all’assolvimento di un dovere. Quello di ricevere il proprio stipendio o la pensione, per poter vivere il loro quotidiano.

L’evasione fiscale e il riciclaggio sono ben altra cosa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Liberalizzazione e speculazione

next
Articolo Successivo

Aeroporto di Malpensa, bilanci da incubo
Fallisce il progetto di rilancio della Lega

next