Finora in Francia il termine “spread” non era ancora entrato con tanta disinvoltura nel linguaggio della tv e dei media in generale. Da pochi giorni, invece, non si parla di altro, come in Italia e in Spagna. Perché lo spread fra il rendimento degli Oat decennali (i titoli di Stato francesi, equivalenti dei nostri Btp, ndr) e quello dei Bund tedeschi sta macinando a Parigi un record dietro l’altro, fino a toccare i 190 punti base di oggi. Rispetto alla soglia dei 500 dello spread Btp-Bund viene quasi da ridere. Ma da ridere c’è davvero ben poco.

Il debito pubblico della Francia è classificato ancora con una tripla A da Standard&Poor’s, il massimo dei voti, riconosciuto anche dalle altre maggiori agenzie di rating. Strano, quindi, uno spread così ampio con la Germania, che pure ha la tripla A: un ‘non senso’ a livello finanziario. Vuol dire che il tasso d’interesse pagato dallo Stato francese sul proprio debito è ora del 3,683%, mentre quello sborsato a Berlino è praticamente la metà, l’1,782%. Prima di questa interminabile crisi, lo spread fra Oat e Bund era nullo. All’inizio di giugno era salito a 30 punti base e già c’era chi si allarmava sulla piazza finanziaria di Parigi. Adesso anche lo spread con i titoli degli altri Paesi europei, dotati della tripla A, si allarga inesorabilmente: oggi si sono raggiunti i 150 pb con il Regno Unito e i 124 con i Paesi Bassi.

Una settimana fa, quando per errore S&P inviò ai suoi abbonati un messaggio che annunciava il “downgrading” del debito sovrano francese (come dire la perdita della tripla A), a Parigi si gridò allo scandalo, mettendo sul gobbo di quel passo falso di Standard il successivo salire dello spread. Dopo, però, le cose sono peggiorate ulteriormente: un record dietro l’altro. Non può ancora essere per quel maledetto errore. Ormai lo spread Oat-Bund ha toccato il livello più alto dal lontano 1989. Significa che c’è dell’altro. Non solo speculazione.

C’è un deficit pubblico che a fine anno rappresenterà il 5,8% del Pil (3,7% stimato per l’Italia). Ma c’è anche un’economia reale che arranca. E dire che oggi, in realtà, da questo punto di vista era arrivata una notizia relativamente incoraggiante. Nel terzo trimestre di quest’anno il Prodotto interno lordo, è cresciuto dello 0,4%, più del previsto. Ma è uscito anche uno studio della banca tedesca Berenberg e del centro di studi europeo The Lisbon Council, che classifica i Paesi della zona euro secondo la salute e la competitività delle loro economie. E che, sui 17 Stati esaminati, piazza la Francia al 13° posto, in “buona” compagnia: al 14° si trova l’Italia e al 12° la Spagna.

Insomma, quello spread che sale traduce la sfiducia nei confronti di un’economia che non tiene più il passo, come già è successo ai due grandi Paesi vicini. E un altro problema per la Francia (e per la sua traballante tripla A) è rappresentato proprio dall’Italia. Le banche francesi sono le più esposte in Europa nei confronti dei bond italiani, anche se negli ultimi tempi ne hanno venduti a man bassa. E, poi, se l’Italia saltasse davvero e se il Fondo salva-Stati (Efsf) dovesse intervenire massicciamente a sostenerla, questo avrebbe riflessi diretti sulle finanze pubbliche di Parigi, che, dopo Berlino, è il più importante garante del fondo. In tanti ritengono che, una volta ultimate le consultazioni a Roma, se il nuovo governo italiano rassicurerà economisti e analisti delle maggiori piazze finanziarie, anche lo spread Oat-Bund dovrebbe risentirne positivamente.

Intanto c’è anche chi a Parigi getta acqua sul fuoco. Alcuni economisiti sottolineano che quel tasso del 3,683% degli Oat decennali è il doppio del corrispettivo dei Bund, ma resta tutto sommato basso in termini assoluti, ad esempio rispetto al 7% sforato dai Btp italiani. O che lo spread di 190 pb è lontanissimo dal record assoluto degli Oat decennali: 743 punti base. Era l’aprile 1982. François Mitterrand era stato eletto presidente l’anno precedente. Al governo c’erano i socialisti alleati con i comunisti, che vararono nazionalizzazioni e generosi aumenti del salario minimo. Deficit e debito pubblici partirono al galoppo. I mercati presero paura. “Colpa della sinistra”, si diceva, se lo spread saliva. Oggi, invece, al potere a Parigi si ritrova la destra. Nicolas Sarkozy fa di tutto a livello internazionale, per apparire il pompiere della crisi, assieme a Angela Merkel. Ma lo spread sale lo stesso. E continua a salire.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mediaset e lo Spread

next
Articolo Successivo

L’effetto Monti non convince i mercati
L’impennata dei tassi frena le riforme

next