Il presidente francese Nicolas Sarkozy

L’accordo raggiunto in Europa è servito non solo a salvare la Grecia, ma ad evitare una catastrofe che avrebbe travolto a cascata l’Europa e anche il resto del mondo. A cominciare dall’Italia. E’ questa l’analisi che il presidente francese Nicolas Sarkozy fa all’indomani del Consiglio europeo di Bruxelles in cui si è discusso del piano di salvataggio di Atene e delle misure da prendere per affrontare la crisi economica.

“Senza l’accordo di ieri sera ci sarebbe stata una catastrofe dagli effetti inimmaginabili non solo in Europa, ma nel mondo intero”, ha detto il presidente francese, che ha usato parole molto dure nei confronti della Grecia, sostenendo senza mezzi termini che “nel 2001 fu un errore acconsentire al suo ingresso nell’unione monetaria”. Il Paese ellenico, infatti, “non era pronto” secondo Sarkozy, tanto è vero che “falsificò i dati economici”. Ma, ha aggiunto il capo dell’Eliseo, “non avevamo scelta”. Sarkozy si è però anche detto sicuro che Atene ” ce la farà a risolvere la crisi del suo debito”. E, a proposito di debito, ha avuto qualcosa da dire anche a proposito del nostro Paese. E ha dichiarato: “Se avessimo lasciato cadere la Grecia, dopo sarebbe toccato all’Italia. E poi sarebbe stata la fine dell’Europa”.

E, parlando alle televisione TF1 e France 2 a sei mesi dall’appuntamento elettorale, il presidente ha affermato di non essere sicuro che la separazione tra banche commerciali e di investimento – ipotesi, questa, che era stata avanzata dai socialisti francesi come possibile misura anti-crisi –  “sia la soluzione migliore”.

Tutto è lecito, però, per salvare la crisi: tra le ipotesi che non vanno escluse, c’è, secondo Sarkozy, anche l’arrivo di capitali cinesi per salvare l’euro, “anche se – ha aggiunto – non sono essenziali”. Il ragionamento del presidente d’Oltralpe è questo: “Se i cinesi che hanno il 60% delle riserve monetarie globali decidessero di investire nell’euro invece che nel dollaro, perché rifiutare? La nostra indipendenza non sarebbe comunque a rischio” ha dichiarato.

Quanto al suo Paese, Sarkozy ha promesso una riduzione delle previsioni di crescita per il 2012 dall’1,75% all’1%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lady Bossi e il doppio assegno a carico nostro

prev
Articolo Successivo

Su Facebook la raccolta firme per la consultazione anti-Casta

next