Non bisogna mai avere alcuna indulgenza per forme di violenza di alcun tipo e per nessuna forma di illegalità, siano esse rosse, bianche o nere. Quello che tuttavia non può essere accettato è che si utilizzino le violenze di un piccolo e ben individuato gruppo per colpire e tentare di ridurre al silenzio e imbavagliare migliaia e migliaia di persone che in Italia e in tutto il mondo stanno riproponendo la questione sociale.

Non comprenderlo rischia di esser un errore drammatico. Le domande poste da questo grande movimento restano, al di là dei gravi e inaccettabili incidenti. Spiace constatare che un uomo come Mario Draghi, governatore della Banca d’Italia abbia manifestato nei suoi commenti molta più intelligenza e sensibilità di tanta parte della politica, il che la dice lunga sulla cecità di chi dovrebbe dare risposte concrete al disagio.

Ci sentiamo in dovere di ringraziare tutte quelle emittenti televisive e radiofoniche che non si sono limitate a fare la pur fondamentale cronaca degli incidenti, ma hanno approfondito le istanze e le storie di tutti quegli indignati pacifici, che hanno invaso la città di Roma per rivendicare il diritto insopprimibile dell’eguaglianza sociale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Razzi amari

next
Articolo Successivo

Indignados vs. black bloc

next