Il Tribunale di Milano ha respinto una richiesta di rinvio o stralcio dell’udienza del processo sui diritti tv Mediaset presentata dai legali del consiglio Silvio Berlusconi imputato per evasione fiscale. Il tutto succede nel giorno in cui la Corte costituzionale ha giudicato ammissibile il ricorso della Presidenza del consiglio dei ministri contro lo stesso tribunale, proprio nell’ambito del processo Mediaset. Si tratta solo di una valutazione preliminare della Corte: la decisione nel merito verrà presa nei prossimi mesi. Nel frattempo, il processo non dovrebbe subire interruzioni, visto il precedente del dibattimento sul caso Ruby, che prosegue nonostante la Corte abbia ammesso un altro conflitto di attribuzione sollevato dalla Camera dei deputati.

Nell’udienza di oggi del processo Mediaset, a chiedere i legittimo impedimento è stato l’avvocato Piero Longo, motivandolo con il fatto che Berlusconi ha un “impegno istituzionale” a Roma: l’incontro con il primo ministro della Repubblica macedone, i cui “orari” si sovrappongono con quelli dell’udienza di oggi. Già nell’udienza scorsa, il presidente del collegio Edoardo D’Avossa aveva spiegato di non poter spostare l’udienza, in quanto la programmata audizione  in rogatoria di due testimoni monegaschi era stata fissata in accordo con l’autorità giudiziaria di Montecarlo.

Nonostante questo, il 30 settembre i legali del premier avevano fatto pervenire in cancelleria un fax in cui si dichiarava che sia i legali stessi sia il capo del governo erano impossibilitati a presentarsi in aula. Così oggi il collegio ha respinto la richiesta, ribadendo che “l’interesse prevalente” è quello di svolgere puntualmente la rogatoria, “avviata quattro anni fa”. Il giudice D’Avossa si è anche richiamato ai principi della Consulta, che a proposito di legittimo impedimento ha sottolineato in passato la “necessità di collaborazione tra le parti” e il “contemperamento degli interessi”.

Il pm Fabio De Pasquale si era opposto all’istanza spiegando che il premier avrebbe potuto anche fissare “in mattinata o tarda serata” l’incontro con il primo ministro della Macedonia. La questione, ha precisato, non è se l’incontro istituzionale “sia un legittimo impedimento o meno”, ma se “fosse proprio necessario fissare questo incontro che va a sovrapporsi con questa rogatoria”. Per il pm “l’incontro poteva essere effettuato in mattinata o tarda serata”.

E’ ancora il processo Mediaset al centro della decisione della Consulta di giudicare ammissibile il conflitto di attribuzione sollevato dalla presidenza del consiglio contro il tribunale di Milano, sempre in tema di legittimo impedimento. Nel ricorso, la presidenza del consiglio chiede alla Consulta di annullare l’ordinanza con cui il primo marzo del 2010 il collegio presieduto da D’Avossa rifiutò il rinvio dell’udienza per la concomitante riunione del consiglio dei ministri.

“Non spetta al Tribunale di Milano stabilire che non costituisce impedimento assoluto alla partecipazione alle udienze penali, e perciò causa di giustificazione della sua assenza, il diritto-dovere” del premier a “presiedere una riunione del Consiglio dei ministri”, si legge nell’istanza della presidenza del consiglio. “E ciò vale anche nel caso in cui la riunione in origine fissata in un giorno non coincidente con la data dell’udienza, venga fatta slittare, così come è avvenuto nel caso del Cdm del primo marzo 2010, rinviato dal venerdì al lunedì a causa della “complessa elaborazione” del ddl sull’anti-corruzione.

Relatore della causa sarà il giudice costituzionale Sabino Cassese. Ma ora, stando alle dichiarazioni dell’avvocato Longo dopo l’udienza del processo milanese, Palazzo Chigi potrebbe sollevare l’ennesimo conflitto di attribuzione a proposito della richiesta di rinvio respinta oggi dal tribunale. Il processo sui diritti tv è stato rinviato al prossimo 26 ottobre per sentire alcuni testi in rogatoria dagli Stati Uniti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Vacanze romane, con burocrazia

next
Articolo Successivo

Legge Bavaglio, ovvero stupidità al Potere

next