Dopo tre anni Emmanuel Bonsu è tornato a sorridere. Non vuole parlare della brutta avventura che tre anni fa l’ha visto prima malmenare da alcuni vigili del comando di Parma e poi diventare protagonista involontario di tutte le trasmissioni e i giornali italiani in quanto simbolo di discriminazione razziale e mancanza di controllo sul potere. Ma quando gli si parla di Baciato dalla fortuna, il film con Vincenzo Salemme che proprio da ieri è arrivato nei cinema italiani e che è stato girato con l’intento di riabilitare la figura della polizia municipale a Parma, scoppia in una fragorosa risata.

Fa fatica anche lui a credere nell’ironia del destino: proprio quando la sua peripezia giudiziaria finisce, arriva la pellicola pagata con soldi pubblici da un Comune che non esiste più, dato che lo stesso sindaco si è dimesso. “Quasi quasi stasera andiamo a vederlo – scherza il padre -. Sono proprio curioso”. Emmanuel fa fatica a parlare: la brutta vicenda che l’ha investito senza preavviso ha sicuramente cambiato il suo carattere. E il suo rapporto con la città di Parma. “Ora studia a Milano – commenta il padre, che lo aiuta con la stampa -. Non so dove sarà il suo futuro, per ora non qui”.

Qualche mese fa il giovane ghanese aveva espresso il desiderio di andare in Inghilterra, lontano da razzismo e stereotipi. Un po’ lo stesso desiderio che l’ha fatto abbandonare le scuole di Parma per quelle milanesi: “Ora non lo so – si lascia sfuggire Emmanuel -. Davvero non lo so”. Anche quando gli si chiede se è contento per la condanna ricevuta dai suoi aggressori risponde con un “non so. Lascio parlare il mio avvocato”.

Ma i suoi occhi parlano da soli e non nascondono la soddisfazione di aver trovato un briciolo di giustiza. Dentro alla camicia bianca e alla cravatta blu si nasconde un ragazzo di 25 anni che finalmente ha trovato qualcosa in cui credere ancora: la giustizia. “Le ferite sono ancora aperte – interviene in suo supporto ancora una volta il padre -. Da quel triste giorno di tre anni fa non è cambiato niente per noi: è ancora un macigno dentro il nostro cuore quello che dobbiamo sopportare. Per quello non riusciamo a dire se siamo contenti o no: non si cancella niente. Certi siamo un po’ più sereni perché i racconti di mio figlio sono stati ascoltati”.

Anche il legale di Emmanuel, Lorenzo Trucco, si dice soddisfatto della sentenza. Anche se non del tutto: “E’ certamente positivo che abbiano ritenuto veritiere tutte le testimonianze di Emmanuel – commenta -. La condanna emessa a carico degli imputati dimostra che l’impianto accusatorio era valido e che si è creduto a Emmanuel. Ma restiamo perplessi per quanto riguarda il mancato risarcimento da parte del Comune”.

Nonostante le richieste dei pm fossero di 500mila euro, per danni fisici e morali, da chiedere alla pubblica amministrazione, infatti il giudice ha ritenuto di condannare i soli vigili al rimborso del risarcimento previsionale che ammonta a 135mila euro. “Ora comunque attenderemo le motivazioni – conclude Trucco – che saranno depositate entro 45 giorni e cercheremo di capire questa scelta”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ma Rimini macina primati: “Gli unici a guadagnare due milioni netti”

next
Articolo Successivo

Nelle intercettazioni ridevano: “Siamo come le escort”

next