“Soffiate e lo saprete”. Ben presto il cartello apparirà all’uscita di ogni discoteca di Francia. Con, sotto, scritto: “Per sapere se puoi guidare, richiedi un alcool test”. Ciascun proprietario di luogo pubblico aperto fra le due di notte e le sette di mattina (e dove si servano alcoolicii) dovrà disporre di un etilometro, chimico (i sacchettini dove soffiare) o elettronico (con boccaglio e display). Chi sta per ritornare a casa potrà valutare il valore di alcool nel proprio sangue. E decidere se mettersi al volante oppure no.

La novità è stata introdotta da un decreto dei ministeri di Sanità, Trasporti e Interni, pubblicato questo fine settimana nella Gazzetta ufficiale francese. Riguarda le 2.500 discoteche del Paese, ma anche i bar aperti di notte, in particolare quelli degli hotel, e sale dove si svolgano spettacoli musicali o di altro tipo e dove siano disponibili alcoolici: in tutto 5.500 esercizi. Avranno appena un mese di tempo per mettersi in regola: acquistare il dispositivo elettronico o disporre ogni notte di minimo 50 etilometri chimici. Da consegnare a chi li richieda, entro quindici minuti di tempo.

La novità non arriva senza polemiche. I bar che chiudono prima delle due di notte non dovranno rispettare l’obbligo. E, cosi’, la Sndll, l’associazione di categoria dei proprietari di discoteche, ha sottolineato in un comunicato che “è un testo che ci prende espressamente di mira. Ci appelleremo contro tale normativa”. Patrick Malvaes, proprietario di una discoteca nella Gironda, nel Sud-Ovest, ha inventato la formula del “capitaine de soirée”, per cui in ogni gruppo di ragazzi sceglie un “capitano”, colui che non beve e che guiderà. Secondo Malvaes, la nuova regolamentazione “non pone chiaramente il problema delle responsabilità di ognuno, perché noi gestori di discoteche non abbiamo i mezzi per impedire a un cliente di prendere il volante”. In effetti, non è detto che la persona, una volta trovato un tasso di alcool eccessivo, decida di non partire.

Il Governo francese, in ogni caso, è deciso ad andare avanti. Sì, in un Paese dove il 31% degli incidenti stradali è causato da un guidatore in stato di ebrezza (il 92% di costoro sono uomini). D’altra parte la Francia, grazie a una politica preventiva e pure “repressiva” (secondo gli esperti del settore), è riuscita a ridurre sensibilmente i numeri di morti sulle strade, scesi sotto la soglia dei 4mila nel 2010 per la prima volta dopo tantissimi anni. Proprio all’inizio di settembre è entrata in vigore un’altra normativa: la possibilità di imporre l’alcool test blocca motore ai camionisti condannati per guida in stato di ebrezza. E’una chiave con l’etilometro incorporato. Per accendere il motore bisogna soffiare. E, se il tasso alcoolico del sangue è sopra la norma, la macchina non si avvia. Il sistema venne sperimentato per la prima volta negli anni Novanta nel Québec, in Canada. Da allora altri Paesi l’hanno adottato come gli Usa e l’Australia. E in Europa la Svezia: alcuni modelli di serie della Volvo hanno già il dispositivo disponibile in opzione.

In Francia, dal 2010, l’alcool test blocca motore è già obbligatorio per tutti i pullman di nuova immatricolazione e destinati al trasporto di minori. Ora lo è diventato per i camionisti condannati per guida in stato di ebrezza. Si tratta, però, di una possibilità: sarà il magistrato a decidere se applicarla o meno. In caso positivo, potrà imporre l’obbligo da sei mesi a tre anni. Non solo: il camionista dovrà provvedere a sue spese (costa circa mille euro) per il dispositivo. Il sistema è stato già introdotto a livello sperimentale nel dipartimento dell’Alta Savoia dal 2004, dove è stato osservato un tasso di recidivi ridotto a un quarto di quello precedente fra i camionisti che già avevano incassato una condanna per essersi messi al volante del loro mezzo ubriachi. Intanto le associazioni di prevenzione stradale stanno chiedendo un passo in avanti ulteriore, il cosiddetto retest. Insomma, che il camionista debba sottoporsi di nuovo all’etilometro a intervalli regolari, (dai 15 ai 45 minuti) durante il viaggio, per verificare che resti sobrio o che sia stato davvero lui a fare il test al momento dell’avvio del veicolo. Se risulterà positivo? Il motore, allora, non si riaccenderà più.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Medio Oriente, Israele accetta di riprendere
i colloqui di pace con i palestinesi

prev
Articolo Successivo

Sbadigli e strane abitudini: ecco le ricerche scientifiche premiate con i “contro-Nobel”

next