Si chiama: “Le nostre idee, i nostri fatti, i nostri lettori”, la seconda Festa del Fatto Quotidiano in programma da domani venerdì 9 a domenica 11 settembre nel parco La Versiliana di Marina di Pietrasanta.

I fatti. Nel mese di agosto, la media delle vendite in edicola del Fatto è stata di 80 mila copie, con punte di oltre centomila. Più 18 per cento rispetto allo stesso periodo del 2010. Più i 24 mila abbonamenti. Più il record del sito web ilfattoquotidiano.it: 370 mila visitatori e un milione e settecentomila pagine viste ogni giorno.

I lettori. Restano i nostri veri proprietari. In questi due anni non ci siamo mai chiesti se avremmo avuto guai (e ne abbiamo avuti) pubblicando questa o quella notizia. Né ci siamo mai preoccupati degli interessi che andavamo a toccare. E neppure delle querele milionarie che a cascata i cortigiani del premier ci hanno fatto piovere addosso. L’unica domanda è sempre stata: è una notizia che può interessare chi ci legge oppure no? È vero, sullo stato di salute del nostro giornale ci ripetiamo spesso e volentieri. Però, mettetevi nei panni di un gruppo di giornalisti che ogni mattina sente di vivere un’esperienza in qualche modo unica e irripetibile. Essi sanno che il futuro del giornale (e quindi il loro futuro) dipende esclusivamente dalla fiducia che i lettori continueranno ad avere nella qualità e nell’indipendenza della testata. La festa è anche un’occasione per ascoltare ciò che i nostri lettori vogliono dirci. Stiamo interpretando nel modo giusto la realtà del Paese che essi vivono e spesso soffrono? Cosa vorrebbero leggere di più sul “loro” giornale? Cosa non funziona? Cosa va migliorato?

Le idee, infine. L’esperienza del Fatto dimostra che l’informazione autonoma dal potere non è utopia, ma è ripetibile e non solo sulla carta stampata o sul web. Per questo Michele Santoro sarà con noi domenica pomeriggio. Verrà a raccontarci la sua nuova sfida. Di come si possa fare una libera televisione d’inchiesta senza dover sottostare ai vincoli di un padrone, si chiami esso Rai, Mediaset o La7. Sarà, lo speriamo, l’anno zero di una nuova televisione che dipenderà soltanto da coloro che sceglieranno di sostenerla. Sì, come il Fatto con i suoi lettori. Buona festa a tutti.

L’evento su Facebook
Scarica la locandina

Il Fatto Quotidiano, 8 settembre 2011

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

La Rai e il giro che non c’è

next
Articolo Successivo

Yahoo! risolverà la crisi licenziando il Ceo?

next