Nuovi guai per la Bacchi Spa di Boretto. Se il Tar di Parma due settimane fa aveva annullato l’interdittiva antimafia per la ditta edile e di escavazioni della bassa reggiana, ora arriva un nuovo pesante stop.  Sempre firmato Prefettura di Reggio Emilia. Il prefetto De Miro infatti ha emesso una nuova interdittiva antimafia dopo quella dello  5 aprile relativa alla costruzione della tangenziale di Novellara.

Nella prima occasione l’azienda, era ricorsa al Tar, che a fine luglio aveva dato ragione alla Bacchi annullando, l’interdittiva antimafia. Come conseguenza di questo atto il Tar aveva anche cancellato gli atti collegati:  quello del 7 aprile scorso, di Iniziative Ambientali, che sospendeva i lavori per la tangenziale di Novellara e quello del 15 aprile. Quest’ultimo emesso dalla Provincia di Reggio Emilia che prevedeva la sospensione  del contratto di appalto vinto dalla Bacchi Spa per la manutenzione delle strade provinciali della bassa reggiana.

Ora però, arriva il secondo “stop” ai lavori. La  firma è del prefetto Antonella De Miro e porta la data del 4 agosto. E’ stato trasmesso alla stazione appaltante Iniziative Ambientali il 5 agosto. Dieci giorni dopo la decisione del Tar di  Parma dare il via libera al riavvio dei lavori per il terzo stralcio di tangenziale.
Nella nuova interdittiva antimafia si può leggere di un “sussistente pericolo di infiltrazioni mafiose tendenti a condizionare le scelte e gli indirizzi della ditta Bacchi Spa”.  Perché il Prefetto di Reggio ha emesso questa nuova interdittiva nei confronti di una ditta che negli anni ha legalmente finanziato il mondo della politica locale con elargizioni regolarmente registrate ad esempio a favore  alla Lega Nord come riportato dal ilfattoquotidiano.it? Nei mesi scorsi le forze dell’ordine hanno effettuato diversi accertamenti mirati a rilevare la consistenza di un pericolo di permeabilità alla mafia. Indagini che, secondo il prefetto De Miro avrebbero superato le motivazioni per cui il Tar di Parma ha accolto il ricorso presentato dalla Bacchi.

Per quanto concerne la sentenza inerente la prima interdittiva, infatti, era stato segnalato che “quei profili che denotino vicinanza e persistenza di contatto con ambienti criminali” risultavano “per un verso difettare e per l’altro verso non presentarsi sufficientemente istruiti o motivati”.

Nella stessa sentenza, che ha annullato il primo provvedimento, veniva sottolineato che è “astrattamente possibile  la reiterazione del giudizio di pericolo di infiltrazioni malavitose, previa correzione degli errori e della carenze che si è in questa sede accertati”. Carenze che, secondo la prefettura, dovrebbero essere stati abbondantemente superati da questo nuovo provvedimento e, soprattutto, grazie alle indagini delle forze dell’ordine svolti in questi mesi.
In occasione dello stop dell’interdittiva antimafia da parte del Tar avevano esultato il sindaco di Novellara Raul Daoli (Pd) ed il consigliere provinciale Giuseppe Pagliani (Pdl). Oggi a fronte del nuovo stop da parte del prefetto interviene il presidente della Camera di Commercio di Reggio Emilia Enrico Bini che prende le parti della De Miro. “Certi politici prima di esultare e sbilanciarsi a favore di ditte dovrebbero essere quanto meno più prudenti…”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parma, non solo tangenti: l’assessore concede permessi al “suo” locale

prev
Articolo Successivo

Marini: “Mi ero dimesso, mio comportamento limpido”

next