Pestato a sangue da sei persone. Futili motivi, disse la vittima stessa, un giovane marocchino. Oggi, a un mese dall’episodio si scopre che i motivi non erano per niente futili, ma razziali, venne massacrato perché straniero. Extracomunitario, come si dice in tono dispregiativo. Marocchino. Il tutto accade il 18 luglio a Rimini, al pub Rose&Crown. Una lite per la “mancata precedenza” al bagno, si dice. E invece i sei sarebbero naziskin, e la matrice razzista. Lo denuncia oggi la Digos, dopo aver ascoltato i testimoni e fatto le indagini necessarie.

Pretendevano provocatoriamente di veder rispettata la loro priorità. Il ragazzo era stato aggredito fuori dal pub con calci e pugni, ma nelle ore successive aveva dichiarato alla polizia di escludere lui stesso motivi razziali. Ma sono stati alcuni testimoni a spiegare alla Digos cosa esattamente è accaduto. Hanno raccontato di aver udito distintamente gli insulti e le urla rivolte al marocchino, e raccontano che il giovane era completamente stordito dal tentativo di parare il massacro.

I gestori del pub, a quasi un mese di distanza, invece dicono di non ricordarsi bene l’accaduto, temendo forse una cattiva pubblicità al locale, non avvezzo, spiegano, a questo tipo di aggressioni. Li hanno allontanati, del resto non si sono occupati o preoccupati.

In ogni caso i colpevoli sono stati identificati: hanno dai 20 ai 30 anni e fanno parte di un gruppo dell’ultradestra, che è solito frequentare la provincia di Rimini. Hanno scelto i locali della zona, gli skinhead, per incontrarsi con altri esaltati della “cultura” del disprezzo e dell’umiliazione. Lo stesso gestore del pub ammette di averli già visti altre volte nel suo locale. Nella macchina di due di loro, due gemelli di 23 anni della provincia di Pesaro-Urbino, la polizia ha trovato un tirapugni.

Per i sei naziskin è scattato – oltre alla denuncia per violenza, lesioni, rissa e porto di oggetti atti a offendere – anche il foglio di via dalla provincia di Rimini. Sarà la Procura della Repubblica a decidere se vi sono le condizioni per contestare anche l’aggravante razzista.

i.g.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Via ai lavori per il treno della Riviera
Costerà 92 milioni di euro e 600 espropri

prev
Articolo Successivo

Il bambino e il Signor Nessuno

next