Era nel quartiere londinese di Brixton quando un gruppo di ragazzi ha iniziato a fare irruzione in un negozio. Michele Luppi, triestino di 27 anni, ha afferrato il cellulare per riprendere la scena. Ma si è beccato un pugno in faccia. C’è anche lui tra i feriti degli scontri che da tre giorni sconvolgono Londra e altre città britanniche. Preso a botte in una delle zone multietniche della capitale inglese.

Luppi lavora a Londra in un bar-gelateria di Soho. Domenica si trovava a Brixton – ha raccontato all’Ansa – quando sono scoppiati gli scontri. Ha tirato fuori dalla tasca il suo telefonino e ha cominciato a filmare i giovani incappucciati che saccheggiavano un negozio Foot Locker. E’ riuscito a immortalare anche il lancio di due bottiglie molotov. Dopo pochi minuti – ha riferito – è stato aggredito da un ragazzo, che dopo averlo preso a pugni, ha distrutto il cellulare. Luppi si è ritrovato con il naso quasi rotto, ma ora è in buone condizioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La rivolta di Londra e la teoria del caos

prev
Articolo Successivo

Riotcleanup, i londinesi si organizzano in Rete per ripulire la città

next