Era nel quartiere londinese di Brixton quando un gruppo di ragazzi ha iniziato a fare irruzione in un negozio. Michele Luppi, triestino di 27 anni, ha afferrato il cellulare per riprendere la scena. Ma si è beccato un pugno in faccia. C’è anche lui tra i feriti degli scontri che da tre giorni sconvolgono Londra e altre città britanniche. Preso a botte in una delle zone multietniche della capitale inglese.

Luppi lavora a Londra in un bar-gelateria di Soho. Domenica si trovava a Brixton – ha raccontato all’Ansa – quando sono scoppiati gli scontri. Ha tirato fuori dalla tasca il suo telefonino e ha cominciato a filmare i giovani incappucciati che saccheggiavano un negozio Foot Locker. E’ riuscito a immortalare anche il lancio di due bottiglie molotov. Dopo pochi minuti – ha riferito – è stato aggredito da un ragazzo, che dopo averlo preso a pugni, ha distrutto il cellulare. Luppi si è ritrovato con il naso quasi rotto, ma ora è in buone condizioni.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La rivolta di Londra e la teoria del caos

next
Articolo Successivo

Riotcleanup, i londinesi si organizzano in Rete per ripulire la città

next