Era nel quartiere londinese di Brixton quando un gruppo di ragazzi ha iniziato a fare irruzione in un negozio. Michele Luppi, triestino di 27 anni, ha afferrato il cellulare per riprendere la scena. Ma si è beccato un pugno in faccia. C’è anche lui tra i feriti degli scontri che da tre giorni sconvolgono Londra e altre città britanniche. Preso a botte in una delle zone multietniche della capitale inglese.

Luppi lavora a Londra in un bar-gelateria di Soho. Domenica si trovava a Brixton – ha raccontato all’Ansa – quando sono scoppiati gli scontri. Ha tirato fuori dalla tasca il suo telefonino e ha cominciato a filmare i giovani incappucciati che saccheggiavano un negozio Foot Locker. E’ riuscito a immortalare anche il lancio di due bottiglie molotov. Dopo pochi minuti – ha riferito – è stato aggredito da un ragazzo, che dopo averlo preso a pugni, ha distrutto il cellulare. Luppi si è ritrovato con il naso quasi rotto, ma ora è in buone condizioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La rivolta di Londra e la teoria del caos

next
Articolo Successivo

Riotcleanup, i londinesi si organizzano in Rete per ripulire la città

next