“Un florilegio di frasi e giudizi frutto della più fervida fantasia. Così Palazzo Chigi, in una nota, interveniene sulle “ricostruzioni giornalistiche” di oggi, secondo cui il Presidente del Consiglio  avrebbe confidato di sentirsi “in pericolo di vita”, non solo per se stesso, ma anche per “i miei figli”. Lo sfogo veniva riportato questa mattina da Il Corriere della Sera. Il premier, secondo il quotidiano milanese, affermava di sentirsi “nel mirino” del colonnello libico, “perché così Gheddafi ha deciso. Lui me l’ha giurata”. Nella nota di smentita si aggiunge: “Valgano per tutte le presunte rivelazioni su Gheddafi, che il presidente Berlusconi non ha mai detto o confidato ad alcuno”.

Le fonti “certe” cui il premier faceva riferimento non sono ulteriormente specificate, ma di certo tra i motivi che alimenterebbero il rancore del colonnello ci sarebbe la partecipazione dell’Italia alla guerra in Libia. “A Tripoli c’erano manifesti giganti che mi ritraevano con Gheddafi – proseguiva il premier – mentre ci stringevamo la mano. E lui ha preso il nostro intervento militare come un tradimento”.

Il Cavaliere ricordava la sua contrarietà iniziale a partecipare al conflitto. “A suo tempo avevo messo in guardia i nostri partner internazionali e anche in patria avevo spiegato che l’operazione non sarebbe stata facile e che ci avrebbe potuto danneggiare”. “Poi, davanti alle pressioni degli Stati Uniti, alla presa di posizione di Napolitano e al voto del nostro Parlamento – aggiungeva – che potevo fare? Non sono io a decidere. Ma vai a spiegarlo a chi è abituato a comandare come Gheddafi. Le regole della democrazia non le capisce”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tradate, per le strade i manifesti
di auguri al Duce

prev
Articolo Successivo

Val Susa, la marcia pacifica dei No Tav

next