Cito Massimo Storchi, brillante storico e comunicatore della memoria: “… finché stanno nei cimiteri va bene.”

La targa in memoria ai Caduti della Repubblica Sociale Italiana, “silenziosamente” inaugurata al cimitero della Villetta di Parma il 2 giugno 2011, recita “Ai caduti e dispersi militari e civili della Repubblica Sociale Italiana (1943-1945)” corredata dalla frase carducciana “L’Italia avanti tutto! L’Italia sopra tutto!” non rende giustizia ai morti commemorati.

Per questo invito l’Associazione nazionale famiglie dei caduti e dispersi della Rsi, che ha voluto la targa, e la Giunta Municipale, che l’ ha approvata, a correggerla per rendere tutto l’onore di cui questi ragazzi sono degni:

“Ai caduti e dispersi militari e civili della Repubblica Sociale Italiana (1943-1945)
servi consci o inconsci della dittatura, morti per ripudiare i valori della futura Costituzione Italiana,
che gli avrebbe permesso un giorno di essere commemorati
grazie a ciò che la R.S.I. negava: la democrazia “

Di fronte alla proposta di legge del PDL, di equiparare i morti della R.S.I. ai Partigiani, Sonia Alfano, alcuni giorni fa, ha scritto: “Il 2 giugno, se lo mettano bene in testa, è la festa della Repubblica, non della repubblichina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Non solo pass invalidi: i calciatori avevano anche permessi falsi per parcheggiare in centro

next
Articolo Successivo

Ravenna, attività antisindacale: condannata azienda di Marcegaglia

next