Il ministro delle Finanze francese Christine Lagarde

Scegliere il prossimo direttore generale del Fondo monetario internazionale sulla base della nazionalità “mina la legittimità” dell’istituto. E’ quanto affermano i direttori esecutivi di Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica ricordando che il presidente dell’Eurogruppo Claude Junker, nel 2007 dichiarò che Strauss-Kahn sarebbe stato probabilmente l’ultimo direttore del Fondo monetario europeo. Per questo, si legge in una nota dei Brics, “se l’Fmi vuole conservare credibilità e legittimità, la guida dovrebbe essere scelta dopo consultazioni con tutti i suoi membri”. Il prossimo direttore, aggiungono, “dovrebbe essere non solo una persona forte e qualificata, con un solido background tecnico e acume politico, ma anche qualcuno capace di continuare il processo di cambiamento e riforma dell’istituzione”.  E ciò “richiede che si abbandoni l’obsoleta convenzione non scritta che vuole il capo dell’Fmi venire necessariamente dall’Europa”. Intanto oggi il ministro delle Finanze francese Christine Lagarde ha ufficializzato la sua candidatura alla direzione del fondo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La maxi-manovra finanaziaria
La stangata arriva dopo le elezioni

prev
Articolo Successivo

Fiat, Marchionne: “Conquisteremo il 51
per cento di Chrysler nel quarto trimestre”

next