Luigi Casero, sottosegretario all’Economia e alle Finanze, smentisce l’arrivo di una manovra estiva dei conti pubblici di 7-8 miliardi. Il provvedimento, secondo fonti governative, dovrebbe essere presentato a giugno e avere effetti sul 2011 e 2012. Oltre alla revisione dei saldi dovrebbe contenere anche il rifinanziamento di spese come le missioni all’estero e la scuola. Ma Casero nega: “Non è prevista nessuna manovra correttiva sui conti pubblici per il 2011, come già evidenziato nel Documento di Economia e Finanza approvato la settimana scorsa alla Camera e in approvazione oggi al Senato”. “Pertanto tutte le polemiche aperte dal Partito Democratico su manovre correttive e aumenti di tassazione – ha concluso il sottosegretario – sono strumentali e totalmente prive di fondamento”.

Casero si riferisce alle parole di Francesco Boccia, coordinatore delle commissioni Economiche del Pd alla Camera, che ha commentato a caldo: “Avevamo previsto l’arrivo di una nuova batosta per gli italiani e siamo passati per Cassandre, ma ecco qui la conferma”. “Da 3 anni, cioè dall’inizio della legislatura – continua Boccia – il governo fa una Finanziaria in autunno dicendo una cosa e puntualmente in primavera arriva la beffa della manovra d’estate”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sorpresa, adesso le banche tedesche
tifano per il default greco

prev
Articolo Successivo

Gran Bretagna arriva lo scudo fiscale: ma il conto per gli evasori sarà più caro che in Italia

next