A gennaio il comune di Preganziol, guidato dal leghista Sergio Marton – al tempo stesso anche assessore all’urbanistica di Treviso – finì su tutte le prime pagine perché la Biblioteca comunale aveva messo all’indice lo scrittore Roberto Saviano. Ora a finire “dietro alla lavagna”, ufficialmente per problemi burocratici, è la presentazione del libro inchiesta sulla Lega “Umberto Magno” (Aliberti, ed. 2010) scritto dall’ex redattore della Padania Leonardo Facco, in programma venerdì alle 21 in una serata organizzata dai Grilli TrevisoMovimento 5 stelle.

In un primo tempo l’autorizzazione all’uso dell’aula magna della scuola elementare “Granziol” era stata autorizzata regolarmente a Maurizio Aronica, militante dei Grilli Treviso. Permessi per il 1 e 13 aprile datati rispettivamente 1 e 13 marzo per due diverse iniziative.

“Questa mattina l’amara sorpresa – spiega David Borrelli, consigliere comunale dei Grilli Treviso nel capoluogo della Marca- arriva un fax dal comune che ci avvisa che la sala ci veniva revocata in quanto i permessi erano stati rilasciati a Maurizio Aronica mentre l’iniziativa era da ricondursi alla associazione “Grilli Treviso”. Peccato – conclude Borrelli – che Maurizio sia un nostro attivista”.

Tutto annullato, insomma. Con il Comune leghista pronto a rimborsare i 36 euro della sala. “Una cosa assurda e contro questa censura con scuse burocratiche mi imbavaglierò in consiglio comunale a Treviso” dice Borrelli. “Abbiamo ripresentato immediatamente domanda per la sala come Grilli Treviso – continua il consigliere comunale- se non ce la daranno per venerdì organizzeremo la presentazione del libro inchiesta sulla Lega in piazza ci stiamo muovendo con la Questura”.

Non è la prima volta che amministrazioni leghiste ostacolano la presentazione del libro inchiesta su Bossi e la Lega “Umberto Magno”. “Una cosa simile è avvenuta a Cantù dove la presentazione era stata programmata nella sala civica da una lista locale – racconta l’autore Leonardo Facco – e la Lega non potendo più negare la sala ha organizzato una super convention a spese del contribuente in contemporanea. Risultato? Sala piena per la nostra iniziativa, vuota per i leghisti”.

Dal canto suo, il sindaco-assessore replica smorzando le polemiche: “Non ne so niente – dice ai cronisti – di queste cose si occupa l’ufficio unico”.

Ma la spiegazione non convince i Grilli, così come le addotte motivazioni burocratiche: “La scusa è veramente assurda – rimarca Borrelli – un cittadino, tra l’altro nostro attivista, non può prenotare la sala per presentare libri? Probabilmente hanno visto il titolo e di cosa tratta. Una ragione in più per andare avanti”. “Aula magna o piazza, i grillini trevigiani presenteranno il libro venerdì e presto faremo un evento ancora più grande”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La figura barbina di Frattini alla Bbc

next
Articolo Successivo

Berlusconi, un potere basato sulla Pnl

next