Giappone, Libia e i 150 anni dell’unità d’Italia hanno quasi messo in cassa integrazione gli instancabili giornalisti della redazione Società del Tg di Uno, la fabbrica delle minzocaramelle.
Il primo servizio pop arriva solo lunedì 14 Marzo ma è un evergreen, la famigerata casa del cognato del traditore Fini. Questo favoloso appartamento di Montecarlo è ormai diventato una meta turistica. Torpedoni di paladini della libertà ogni giorno arrivano nel Principato per visitare i luoghi dello scoop del Giornale di Famiglia. “Dove si trova il palazzo Fini?” si chiede una fervente adepta del partito dell’amore. “Signora, non esageriamo, si tratta solo di un bilocale” risponde Michele Florentino della Associazione Albergatori monegasca.

Arriva martedì e tocca a Manuela Lucchini spiegare come si fa ad eliminare l’infertilità maschile. Lo sponsor della iniziativa è Francesco Totti: “faj un gol pella vita, perché i fiji i vojamo tutti, no?” e il decalogo ha solo 5 regole (pentalogo?). Sì ad un sano comportamento sessuale, attenzione all’igiene intima, ma soprattutto non mettete il cellulare nelle tasche dei pantaloni.

Si festeggia l’Italia giovedì 17 e la redazione pop ci cucina un bel servizio sui cibi unitari.”La pasta tricolore è di rigore nei ricevimenti ufficiali per volere del Presidente del Consiglio” ci ricorda Anna Scafuri. La darà in pasto anche a Bossi nelle cene del lunedì? E il novello Alberto da Giussano, oltre a pasta, pizza e bruschetta, conosce anche l’insalata del “profondo sud”, quella con le pale di fico d’india?

La settimana pop del Tg più divertente del mondo si chiude con un grande ritorno. Scende dalle Alpi innevate l’inviato Massimo Mignanelli. I cosmetici d’avanguardia sono il tema del reportage. “Il cosmetico è un bene sociale” e giù con crema di ananas, lacca biologica senza siliconi, carboidrati finti senza glutine e soprattutto le ciglia finte di carta a forma di paesaggi cinesi.

Ora diamo uno sguardo alle classifiche con i vasetti per la pupù dei bimbi griffati che riconquistano il trono della Minzoparade dopo ben 21 settimane di permanenza.

Minzoparade Anno II N.11 (12 Marzo-18 Marzo 2011, Tg di Uno ore 20)
1. (21) I vasetti per la pupù dei bimbi alla moda (+3)
2. (1) Tornano di moda gli occhiali di Cavour: John Lennon copiava (New Entry!)
3. (12) Come difendersi dal freddo: copritevi e non uscite di notte (-)
4. (1) Giovani italiani grassi e pigri: tra qualche anno avremo adulti malati ed obesi (New Entry!)
5. (1) La camicia di Uilliamm è stata cucita in Puglia: i sarti inglesi si sono “scocciati” (New Entry!)
6. (1) Donne al volante: guai se tocchi i freni e mani a nove e un quarto (New Entry!)
7. (3) Fantasmi nel palazzo del Vescovo di Livorno: arriva l’esorcista (-2)
8. (4) Il momento magico dell’aceto: è indispensabile per sgrassare e profumare il salame (-)
9. (2) L’epatite C si può curare: esistono tanti farmaci e tanti ne verranno (+1)
10. (4) Il nuovo inquilino di Downing Street: Larry il gatto ratticida dall’istinto assassino (-9)

Minzi Caldi (in ordine cronologico)
– La casa di Tulliani a Montecarlo è diventata una attrazione turistica.
– Il decalogo contro l’infertilità maschile: non mettete il cellulare nella tasca dei pantaloni.
– Unità d’Italia: pasta, pizza e bruschetta ma non dimentichiamo l’insalata a pale di fico d’india.
– Tutte le novità della cosmetica: la crema d’ananas, la lacca biologica e le ciglia finte con i paesaggi cinesi.

La Posta della Minzoparade
Ciaira
scrive: “voto per gli occhiali di Cavour perché stiamo per festeggiare l’Unità d’Italia e lo trovo un servizio davvero patriottico“.
SaraS invece preferisce il servizio pop sui giovani grassi e pigri. “La presenza costante di Ferrara al Tg di Uno ha in realtà uno scopo prettamente educativo: dopo aver visto come ci si può ridurre, sicuramente i nostri ragazzi si precipiteranno a frotte in palestra“.

Tg di Uno Scuola Media Pilutzer
E’ una settimana in cui non ci sono buoni a cui dare minzocaramelle ma solo cattivi, anzi solo un cattivo da minzobacchettare, Il Fatto Quotidiano. La tesi è semplice: il Fatto Quotidiano si occupa spesso di Telecom Italia perché Telecom Italia ha acquistato ben 6 pagine di pubblicità. La tesi è confermata dal fatto che la medesima testata si occupa spesso del “Direttorissimo” in cambio di pubblicità (gratuita) sul Tg di Uno delle 13:30. Guarda il servizio
Grazie alla quinta minzobacchettata del trimestre Il Fatto Quotidiano diventa il primo discolo della Scuola Media.
Ecco la lavagna aggiornata:

Buoni
Il Giornale (2)
Tg di Uno (1)
Libero (1)
Piero Ostellino (1)
Vittorio Emanuele di Savoia (1)
Clemente Mastella (1)
Filippo Facci (1)

Cattivi
Il Fatto Quotidiano (5)
L’Unità (4)
La Repubblica (4)
Il Secolo d’Italia (2)
Annozero (1)
La Stampa (1)
Il Corriere della Sera (1)
Tg3 (1)
I Giudici (1)
Agenzia Ansa (1)
Marco Travaglio (1)
Massimo Giannini (1)

E’ arrivato il momento di partecipare attivamente alla stesura della Minzoparade. Votate i due servizi più pop nello spazio per i commenti. Potete scriverci a [email protected] e seguirci su Twitter (Minzoparade) e su Facebook.

Il Centro Studi Tg di Uno di Vancouver vi dà appuntamento a sabato prossimo: le pagine più divertenti del telegiornalismo italico non sono ancora state scritte.

A cura di Ernesto Salvi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Indagine su Minzolini
“Tutto frutto della faziosità”

prev
Articolo Successivo

Chi di Mangano ferisce di Mangano perisce

next