Vignetta di ArnaldSos Lavoro & Imprese: cambiano la Costituzione!
Mentre tutti sono distratti da foto e festini, il governo zitto zitto sta cambiando nientemeno che la Costituzione. Ma come, non erano in crisi? Ora il soft-porno (categoria voyeur) che calamita l’attenzione serve a distrarre dallo scippo del mattone angolare che regge la Costituzione, l’articolo sull’economia e il lavoro. Sì, perchè l’art. 41 è il compromesso che sta alla base di tutta la Repubblica. Dice che l’impresa economica è libera, ma non può svolgersi in contrasto all’utilità sociale. Non può compromettere dignità, libertà e sicurezza. Dev’essere controllata, indirizzata e coordinata a fini sociali. Teorie? Forse. Idee superate? Mah… Disapplicate nella realtà, questo è certo.

Statalismo e controlli. Ma dove?
Il turbo-liberismo non accetta nemmeno le parole in mezzo ai c…, gli danno fastidio. La proposta è semplice: in economia vale tutto ciò che non è vietato (quasi nulla). Basta con questi “dirigismi” statali, tuona il Corsera; superare lo statalismo, impone il Sole 24 Ore. I tre morti al giorno sul lavoro non bastano a dimostrare l’assenza di controlli. Gli schiaffi alla dignità di milioni di precari non sono sufficienti a sbugiardare i “fini sociali delle imprese”.

Raccomandati per merito
Parassiti che smerciano raccomandazioni vogliono introdurre merito e produttività nell’art. 97, quello che parla di dipendenti pubblici. Concetti che dividono i lavoratori ma che uniscono (miracolo!) sindacati e partiti, commentatori ed economisti indaffarati a giustificare le privatizzazioni travestite da sussidiarietà.  È l’art. 118, già stravolto nel 2001, che parla di “favorire l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale”. Nella pratica è diventato: creare finte cooperative e associazioni no profit, fondazioni e attività di pseudo-volontari(e) per accaparrarsi tutti i servizi e le risorse (ex) pubbliche.

La “spaghetti sussidiarietà”
Ovvero: far profitti sulla pelle di soci di cooperative fuffa e obbligati allo stage, lavoratori a progetto infinito e finte partite Iva. Barattando posti di lavoro con voti e consenso, in pura camorra style. Le parentopoli che coinvolgono tutte le ex aziende municipali da Roma a Ferrara, da Milano a Palermo e l’esplosione dei profitti del terzo settore, dimostrano cosa sia la sussidiarietà. L’occupazione sistematica di intere istituzioni operata da gruppi come Comunione e Liberazione e Compagnia delle Opere in Lombardia è la realtà che sta dietro alla “autonoma iniziativa dei cittadini”. Il pubblico deve diventare privato. Puoi trovare impiego/stage/collaborazioni solo con la spinta del tuo tutor/padrino. Di cosa ti lamenti se non trovi lavoro? Ma non conosci proprio nessuno?

Vignetta di Arnald – clicca qui per ingrandire
www.precaria.org

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Precari, l’anzianità di servizio arriva a scuola

next
Articolo Successivo

Lavorare con i media digitali in museo

next