C’è un’Italia diversa, indignata dal degrado in cui il presidente del Consiglio ha trascinato le istituzioni e l’immagine del Paese nel mondo.

Domani 19 gennaio saremo a Roma davanti al Quirinale dalle ore 20 (e iniziative analoghe si terranno a Milano e Torino), per dire che è arrivato il momento di voltare pagina mobilitando le coscienze, perchè dobbiamo rispetto innanzitutto tutto a noi stessi, alle cittadine e ai cittadini di questo Paese umiliato e offeso.

Saliamo al Quirinale – nel momento in cui tutti sembrano aver paura di farlo – per far sentire la voce di chi non ci sta e vuole che l’Italia sia al più presto restituita alla normalità di una grande democrazia occidentale; per far sentire la nostra solidarietà e la nostra vicinanza al presidente della Repubblica, l’unica istituzione – in questo momento – capace di rappresentare il Paese con dignità ed autorevolezza.

Chiunque voglia essere con noi è il benvenuto, perché, in questo momento, non esistono bandiere di partito o simboli di parte ma solo cittadini indignati e non rassegnati. Domani, quindi, davanti al Quirinale, dalle 20 in poi, con un fischietto, per farci sentire, noi Italiani, Ignorati e ora Indignati.

Il blog: www.indignati.org

Indignati a Roma: http://www.facebook.com/event.php?eid=156809227703476
Indignati a Milano: http://www.facebook.com/pages/Indignati-Milano/178775108829867
Indignati a Torino: http://www.facebook.com/pages/Indigniati-Torino/176124635757249

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

B., tutto il resto è noia

next
Articolo Successivo

Berlusconi, dai letti alle stragi

next