“Una malattia, qualcosa di incontrollabile”. Famiglia Cristiana torna a criticare i comportamenti del premier in un commento pubblicato sul suo sito in merito allo scandalo “Ruby”. Lo fa ricordando che Veronica Lario ”aveva già segnalato” questa stato. E’ “incredibile – scrive Giorgio Vecchiato, autore dell’articolo – che un uomo di simile livello non abbia il necessario autocontrollo. E che il suo entourage stia a guardare”. Manca una reazione “che faticheremmo a definire, qualcosa che sta fra la tristezza civile e la pietà umana”.

”Non assistiamo soltanto a una tegola sulla testa del Berlusconi politico, primo ministro in carica e aspirante al Quirinale”, afferma Famiglia Cristiana, “né stavolta si può parlare di complotto giudiziario, o tanto meno poliziesco”. “Il fatto è – aggiunge – che esistono testimonianze, alcune opinabili ma altre, ahimè, documentate, che creano un duplice ordine di problemi”.

L’ultima vicenda avrebbe ulteriormente minato “la credibilità, meglio ancora la dignità, dell’uomo che governa il Paese; i riflessi sulla vita nazionale e sui rapporti con l’estero; l’esempio che dall’alto viene trasmesso ai normali cittadini. I quali non si sognano né trasgressioni né festini, ma da oggi dovranno abituarsi alle variazioni pecorecce sul ‘bunga bunga”.

E, oltre all’aspetto politico, il settimanale cattolico si allarma su quello umano. “L’altro problema, da valutare come se Berlusconi fosse un tizio qualunque, è la condizione che già la moglie, Veronica Lario, aveva pubblicamente segnalato. Uno stato di malattia, qualcosa di incontrollabile anche perchè consentito, anzi incoraggiato, dal potere e da enormi disponibilità di denaro”. “Incredibile che un uomo di simile livello e responsabilità non disponga del necessario autocontrollo – afferma l’articolo – . E che il suo entourage stia a guardare”.

Tra le tante reazioni alla vicenda – tra “chi tende a ingigantire e chi tenta di argineare” – il periodico dei Paolini sottolinea come “la stampa di destra” faccia “titoloni su tutta la prima pagina”. “Per una vicenda che si voleva sopire – aggiunge – strana tecnica. E siamo solo all’inizio. Come sa chi ha un minimo di esperienza sul gossip e le sue diramazioni, aspettiamoci il peggio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il Cavaliere solidale

prev
Articolo Successivo

Ruby, non basta coprire gli occhi

next