Leggere la “mazzetta” sull’Ipad. Impresa possibile e interessante test per valutare limiti intrinsechi della tecnologia. Normalmente leggo quindici quotidiani ogni giorno. Mi sono seduto davanti al “pacco” acquistato dall’edicolante di Alberese (entusiasta del mio soggiorno per Festambiente) e ho fatto partire il cronometro: la lettura dei quindici ( per la cronaca Sole, Repubblica, Mf, Corsera, Giornale, Libero, Unita’, Manifesto, Stampa, Il Fatto, Liberazione, Finanza & Mercati, Italia Oggi, Foglio e Riformista) ha richiesto un’ora e mezza. Ovviamente non leggo tutti gli articoli pubblicati: sfoglio con attenzione, mi soffermo sulle differenze, leggo integralmente pezzi, editoriali, corsivi e molte brevi che mi interessano. Il giorno dopo ho aperto il mio iPad, sul quale avevo scaricato le application di tutti i quotidiani disponibili (Sole, Repubblica, Corsera, Stampa, Unita’, Libero, Giornale, Foglio, Mf), e ho tentato la stessa operazione: sfogliarli cronometrando il tempo di lettura.

Primo ostacolo: la Stampa mi ha spaesato, avendo una versione molto diversa da quella del quotidiano pidieffato come invece accade con Unita’ e Repubblica. Secondo ostacolo: leggere le brevi e’ impresa ardua e si perde parecchio tempo ad ingrandire e ridurre le dimensioni delle pagine durante la lettura. Il primo bilancio e’ risultato quindi piuttosto sfavorevole per l’iPad. E anche sperimentando versioni molto ottimizzate per il nuovo gioiello Apple come il New York Times o il Wall Street Journal (a mio parere tra le migliori disponibili) la sensazione e’ che la gerarchia delle notizie offerte dalla carta stampata, almeno sino a quando non avremo disponibili i fogli elettronici sfogliabili preconizzati gia’ piu’ di vent’anni fa da Negroponte, resterà una killer application almeno per qualche anno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gli Oscar dei blog
Anche il nostro sito è candidato

next
Articolo Successivo

Videogames – Mafia II, negli anni ’40
a mitra spianati. Con qualche limite

next