Nel mio ultimo post ho parlato della strumentalizzazione politica delle sentenze (da parte dei politici, e non dei magistrati…) e del brutto vizio di “ giudicare il giudizio del giudice” (e, spesso, il giudice stesso!) senza nemmeno aver letto la motivazione.

Ecco, la sentenza di ieri relativa al senatore Dell’Utri ne è un ulteriore esempio. Tutti gli schieramenti politici hanno già commentato, affermato, dissertato, giudicato, argomentato ecc. ecc. sulla decisione, secondo un preciso percorso politico (e non logico, né, tantomeno, imparziale).

Difficile invece esprimersi prima di aver letto la motivazione: l’unico dato che, a mio avviso, è possibile constatare è che, essendo stata riformata la decisione per il periodo successivo al 1992, tutto il giudizio (nel caso in cui non sarà cassato dalla Suprema Corte di Cassazione) è probabilmente destinato a cadere in prescrizione. Allora sentiremo i soliti commenti cui ormai siamo abituati, soprattutto da parte di chi (per ignoranza o mala fede) cercherà di convincerci che la declaratoria di prescrizione è uguale alla assoluzione, perché il PM non è riuscito a dimostrare la colpevolezza nel termine di legge (dimenticando però di dire che il giudice, in ogni caso, ha l’obbligo di dichiarare l’assoluzione dell’imputato, se dalle carte risulta questo, anche in caso di prescrizione…)

Insomma, ormai siamo talmente abituati a questo tipo di commenti che potremmo scriverli noi stessi, prima ancora che i politici si esprimano! Anzi, prima o poi proverò a farlo io, così potrete avere i commenti dei politici sulle sentenze … ancora prima che si esprimano!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il Consiglio d’Europa boccia la legge bavaglio: “Favorisce mafia e corruzione”

next
Articolo Successivo

L’anomalo Paese dei Dell’Utri

next