I socialisti europei non mi fanno girare la testa. Ma il loro gruppo a Bruxelles ha lanciato ieri un appello per l’introduzione di una tassa sulle transazioni finanziarie. Gira su twitter un testo: “Vogliamo ricordare ai leader del mondo, che si riuniscono a Toronto in questo weekend in occasione del G20, che siamo fermamente convinti della necessità di una tassa sulle transazioni finanziarie che sia applicata a livello globale“.

Certo è che i socialisti europei avrebbero potuto assai di più in questi mesi. Per esempio battersi perchè la crisi delle banche non la pagassero gli stati o per lo meno che ciò non avvenisse in cambio di nulla. Ma detto questo, l’ iniziativa spariglia la politica europea stabilendo alleanze con i governi tedesco e francese che vogliono sia una tassa sulle banche, sia una tassa sulle transazioni finanziarie. La cosa naturalmente spaventa Berlusconi che si è detto immediatamente contrario. I grandi patrimoni e la speculazione finanziaria in Italia non si toccano neppure di fronte alla crisi peggiore degli ultimi 40 anni. Ma se non ce la fa Bersani, forse la Merkel….

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Con la mia torpedo blu

prev
Articolo Successivo

Austerity, dalle sigarette alle miniere
quando il deficit diventa una guerra

next