» Cronaca
giovedì 27/07/2017

Atac, il dg Bruno Rota: “Non abbiamo neanche i soldi per la manutenzione, il tempo è scaduto”

L’azienda è insolvente, i fornitori non fanno credito: "L’azienda è in stato di dissesto conclamato. Ma qualcuno se ne approfitta. Non licenzieremo, però qui si deve lavorare”

Lo dice secco: “Il tempo è finito. È venuto il momento di dire la verità”. Bruno Rota è da aprile 2017 direttore generale di Atac, l’azienda del trasporto pubblico di Roma. Aveva lasciato dopo sei anni la guida di Atm, dove aveva ottenuto buoni risultati, ma aveva avuto forti contrasti con il sindaco di Milano Giuseppe Sala. A Roma ha accettato la “mission impossible” di provare a risanare un’azienda che sapeva molto compromessa. “Sì, sapevo che il mio compito sarebbe stato difficile. Ma in questi mesi ho scoperto che è peggio di quello che immaginavo”.

Che situazione ha trovato?

L’azienda ha un debito di 1.350 milioni. Per anni Atac non ha investito e ha accumulato perdite su perdite, con debiti fatti via via per coprire le perdite di gestione, non per finanziare investimenti. Occorrono misure serie e immediate. E comunque non è questa la cosa peggiore.

E qual è allora?

L’Atac ha 325 milioni di debito commerciale. Vuol dire che siamo ormai ogni giorno inseguiti dai fornitori che hanno da molti anni crediti altissimi e non vengono pagati. Vuol dire che non possiamo nemmeno più comprare il materiale che ci serve per fare la manutenzione. I fornitori non fanno più credito.

I mezzi Atac si guastano spesso.

Il nostro parco mezzi è vecchio, ha una vita media di oltre 11 anni, con una parte di mezzi molto più vecchi. Sono quelli che guastano in continuazione. In queste condizioni, le manutenzioni sono necessarie e devono essere frequenti. Ma non abbiamo più i soldi per comprare il materiale che serve.

Perché “il tempo è finito”? E qual è la verità da dire?

La società è in una situazione gravissima, non riesce da molto tempo a far fronte ai propri impegni finanziari. Ora non si può più rimandare l’intervento. L’azienda è in stato di dissesto conclamato. Oltretutto in queste condizioni ci sono anche chiari obblighi di legge: se non riesce a far fronte ai propri impegni, noi abbiamo l’obbligo di ufficializzare questa situazione.

Che cosa si deve fare? Portare i libri in tribunale?

Bisogna ristrutturare il debito. La legge fornisce diversi strumenti.

Gli amministratori, il sindaco Virginia Raggi, l’assessore alle partecipate Massimo Colomban, conoscono la situazione?

Io sono arrivato in Atac il 18 aprile 2017. Per due mesi sono stato a guardare e a studiare, perché non mi sono state date deleghe operative, che sono arrivate solo il 28 giugno. Ma mi sono bastati dieci giorni di lavoro per capire la situazione dell’azienda, che ho subito riportato al sindaco.

Reazioni?

Ha capito subito la situazione, ha mostrato grande comprensione e mi ha garantito un pieno sostegno.

Che cosa non funziona allora?

Bisogna intervenire subito. Ho presentato un piano. Ora è il tempo delle risposte.

Intanto il servizio funziona male, i mezzi si guastano, i cittadini protestano.

È vero che la regolarità del servizio è sempre a rischio, perché non si riesce da tempo a fare le manutenzioni. Ma i mezzi che escono dai depositi per il servizio sono gli stessi di dodici mesi fa. Eppure ora viene descritta una situazione catastrofica, perché c’è una campagna di stampa che aggiunge cose negative false a quelle vere, che pur ci sono. Per ostilità politica, suppongo. Nel caso della donna trascinata per metri da un treno del metrò in corsa, è stato scritto che non ha funzionato il freno d’emergenza: ma i treni del metrò non hanno freno d’emergenza. Ho letto un titolo sul “rogo” di un “treno bruciato” sulla Roma-Giardinetti: in verità, era soltanto uscito fumo da un carrello.

È stato scritto anche che c’è stato un crollo nella vendita dei biglietti.

Altra notizia falsa. Non per merito mio, che sono appena arrivato, ma da inizio d’anno, con accelerazione ad aprile, c’è stata una crescita dei biglietti del 2,3 per cento, con incassi aumentati di 3 milioni, grazie agli abbonamenti e al biglietto turistico.

È stato scritto che Atac licenzierà 2.500 dipendenti.

Falso. Il nostro problema non è tagliare i dipendenti, ma farli lavorare, perché oggi non riusciamo a coprire i turni. Troppe assenze, turni di lavoro abbreviati perché molti macchinisti non timbrano l’ora di entrata e di uscita e nessuno controlla. Qualcuno approfitta della situazione riconsegnando dopo qualche ora di lavoro il suo mezzo dicendo che non funziona più bene. Bisogna ripristinare un sistema di regole e di controlli per impedire che ognuno faccia ciò che gli pare.

Rimpiange Milano?

Rimpiango tantissimo Milano e Atm. Mi mancano quasi fisicamente. Mi manca il clima di verità in cui sono sempre avvenuti anche i confronti più aspri, per esempio con le forze sindacali. E mi manca la “squadra” di colleghi capaci che avevo faticosamente messo insieme in Atm. Qui a Roma, vincoli legislativi e la situazione aziendale rendono quasi impossibile rafforzare la squadra.

 

Riceviamo e pubblichiamo

Gentile Direttore

nell’edizione di questa mattina de Il Fatto Quotidiano è stata pubblicata una intervista che ho rilasciato ieri al vostro Gianni Barbacetto. L’intervista rispecchia il mio pensiero e nulla ho da eccepire al riguardo. Purtroppo a pagina 1 viene presentata l’intervista con un titolo “Metrò senza manutenzione” che non rispecchia il mio pensiero e non è infatti riportata nel testo di Gianni Barbacetto. E’ una affermazione errata che non ho mai pronunciato che non condivido e la presentazione che viene fatta con un virgolettato, induce invece in inganno il lettore che può credere che quella sia una mia affermazione. Anche ai sensi della legge sulla stampa le chiedo di pubblicare cortesemente questa mia precisazione
Bruno Rota

© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Siccità

Emergenza idrica, sei regioni chiedono lo stato di calamità

Sperano di ottenere qualche aiuto le sei regioni che ieri hanno richiesto al governo lo stato di calamità per l’emergenza siccità. Si tratta di Toscana, Lazio, Campania, Emilia Romagna, Calabria e Sardegna. Lo stato di calamità attiva il fondo di solidarietà nazionale, con strumenti come la sospensione delle rate dei mutui e del pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali a carico delle imprese agricole danneggiate. Nella Capitale, intanto, l’Acea ha affermato che non può aumentare il prelievo di acqua da altre fonti diverse dal lago di Bracciano, già messo alla prova. La Regione guidata da Nicola Zingaretti ha imposto uno stop alle “captazioni”, ma l’Acea ha fatto un ricorso al Tribunale delle acque, il cui verdetto è atteso oggi. Nel frattempo il Comune di Roma e il gestore Acea Ato 2 Spa “stanno verificando tutte le possibili soluzioni al fine di trovare un punto di equilibrio”. Secondo il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, l’eventuale sospensione della erogazione di acqua a Roma “potrebbe comportare gravi pregiudizi per la erogazione dei servizi sanitari essenziali”.

Economia

Cittadinanza a Di Matteo, opposizioni assenti e c’è chi si giustifica: “Avvisati troppo tardi”

Cronaca

Per i lavori della metro C chiude per 30 giorni tratto della linea A: insorge il web

La crociata del sindaco leghista nel paese con un solo migrante
Cronaca
Il caso - A Virle (Torino) un maliano e un’ordinanza anti-accoglienza

La crociata del sindaco leghista nel paese con un solo migrante

Vicino al Centro Eni ci si ammala e si muore di più
Cronaca
Basilicata

Vicino al Centro Eni ci si ammala e si muore di più

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×