/ / di

Marco Lillo e Valeria Pacelli Marco Lillo e Valeria Pacelli

Marco Lillo e Valeria Pacelli

Giornalisti

Valeria Pacelli
Giornalista
Sono nata nel 1988 a Benevento e dal 2010 mi occupo di giudiziaria, o almeno ci provo. Tutto è iniziato una mattina di settembre, quando mi sono ritrovata a passeggiare tra le stanze tristi e ostili del tribunale di Roma. Pochi minuti dopo una cosa era chiara: tutto quel parlare tra avvocati, forze dell’ordine e imputati era un mare pieno di notizie. Senza che me ne accorgessi, mi sono innamorata – e so esattamente che si tratta di una brutta malattia – di tutto ciò che riguarda carte, faldoni e intercettazioni. Per un anno ho collaborato con il Messaggero e a settembre 2011 sono entrata nella famiglia del Fatto. Marco Lillo poi ha fatto il resto: mi ha insegnato a capire cosa è una notizia e cosa no, ma soprattutto ad andare oltre tutto ciò che le carte di giudiziarie raccontano. Insomma adesso lo so: non credo nell’aldilà, ma nella giustizia, assolutamente si.

Marco Lillo
Giornalista e scrittore
Sono nato a Roma nel 1969. Ho scritto “Il Bavaglio” nel 2008 e “Papi” nel 2009, entrambi con Gomez e Travaglio per Chiare Lettere, e “Reperto Raiot” (venduto con il dvd di Sabina Guzzanti) per Bur. Con Udo Gumpel ho realizzato nel 2010 il dvd “Sotto scacco”, allegato al Fatto Quotidiano, sui rapporti tra mafia e politica, da Capaci al processo Dell’Utri. Nel 2009 mi è stato assegnato il Premio Borsellino. Oggi potevo essere un avvocato tributarista ma nel 1994 ho lasciato lo studio associato dove lavoravo per ripartire dalla scuola di giornalismo. Mi piaceva l’idea di raccontare il mondo. Poi ho scoperto che il mondo è peggiore di come mi era stato raccontato e sono diventato un giornalista investigativo. Dopo 9 anni a L’Espresso nell’estate del 2009 ho cambiato ancora per partecipare alla fondazione del Fatto Quotidiano. In via Orazio c’era una stanza vuota. Grazie ai lettori oggi c’è un grande giornale.

Articoli Premium di Marco Lillo e Valeria Pacelli

Politica - 11 giugno 2017

“Vertici dell’Arma volevano il verbale su Renzi e Lotti”

Il comandante del Comando provinciale di Napoli Ubaldo Del Monaco avrebbe chiesto ad Alessandro Sessa, il vicecomandante del Noe accusato in un filone dell’inchiesta Consip di depistaggio, se esisteva un secondo verbale di Filippo Vannoni. Questo racconta, per averlo saputo de relato, Gianpaolo Scafarto (accusato di falso), sentito il 10 maggio. Filippo Vannoni, presidente della […]
Cronaca - 8 giugno 2017

“Depistaggio pro Consip”. Indagato colonnello Noe. L’sms: “È stata una cazzata dirlo al capo attuale”

“È stata una cazzata dirlo al capo attuale”. Quando la Procura di Roma estrapola questo messaggino del 9 agosto 2016 diretto al colonnello Alessandro Sessa (tra gli altri) sul cellulare sequestrato a Gianpaolo Scafarto, durante il primo interrogatorio, ipotizza che qualcosa non torni nella ricostruzione di Sessa. Quando il vicecomandante del Noe è stato sentito […]
Cronaca - 20 aprile 2017

Bankitalia avverte Renzi sui soldi di Scaramuzzino

Un finanziamento da 100mila euro alla Fondazione Open di Matteo Renzi finisce in una segnalazione di operazioni sospette diretta all’Uif, l’Unità di Informazione Finanziaria della Banca d’Italia che svolge il ruolo di Autorità nella lotta al riciclaggio. La donazione è stata effettuata il primo luglio 2016 dalla società Golden Production Srl che ha poi cambiato denominazione […]
Cronaca - 30 marzo 2017

Emiliano in Procura: “Sì l’amico di Tiziano è venuto a cercarmi”

Michele Emiliano ieri è stato sentito come testimone nell’inchiesta Consip, dal pm Mario Palazzi e dal procuratore capo Giuseppe Pignatone sugli sms con Luca Lotti svelati dal Fatto il 24 febbraio scorso. Dopo un mese, per l’eccessiva grancassa mediatica (la candidatura di Emiliano contro Renzi) i pm hanno cristallizzato un elemento importante e acquisito gli […]
Cronaca - 16 marzo 2017

Vannoni: “Le casette del sisma le fa l’amichetto”

C’era un amichetto di qualcuno vicino a Renzi che avrebbe dovuto consegnare le casette per i terremotati di Amatrice anche se era arrivato secondo nella gara? È questo che sembra dire Filippo Vannoni al telefono al numero uno di Consip Luigi Marroni durante un filo diretto tra Palazzo Chigi e la Centrale acquisti sul tema. […]
Cronaca - 15 marzo 2017

Marroni voleva piazzare la compagna da Carrai

Luigi Marroni voleva trovare un incarico per la compagna Laura Frati Gucci nella Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, di cui è consigliere Marco Carrai, il fiorentino molto vicino a Matteo Renzi. Per questo, l’amministratore delegato di Consip ne parla con Alberto Bianchi, presidente della Fondazione Open e con Filippo Vannoni, numero uno di Publiacqua. […]
Cronaca - 5 marzo 2017

Romeo e l’ex generale Gdf: “Mi parlò del Giglio d’oro”

Un veloce appuntamento di lavoro. Così Tiziano Renzi, padre dell’ex premier, ha spiegato ai magistrati l’incontro fuori dal parcheggio dell’aeroporto di Fiumicino a Roma – che aveva insospettito gli investigatori – del 7 dicembre 2016. Era partito da Rignano sull’Arno per arrivare vicino Roma, parlare per 40 minuti con una persona e tornare a casa. […]
Cronaca - 4 marzo 2017

Inchiesta Consip, Tiziano Renzi pedinato e intercettato. L’autista: “Non gli telefonare”

Non c’è stata solo la colossale fuga di notizie, realizzata tra luglio e novembre e raccontata dall’amministratore delegato di Consip Luigi Marroni in un verbale pubblicato dal Fatto, quello che ha portato all’iscrizione nel registro degli indagati di Luca Lotti e dei generali dei carabinieri Tullio Del Sette ed Emanuele Saltalamacchia. Il Fatto Quotidiano è in […]
Cronaca - 3 marzo 2017

Inchiesta Consip: Ignazio Abrignani, “quel deputato mandato da Denis a parlare di appalti”

A fine ottobre, due mesi prima che la Procura di Napoli entrasse negli uffici della Consip per sentire l’Amministratore delegato Luigi Marroni, Denis Verdini ha incontrato a pranzo l’amministratore della principale stazione appaltante della Pubblica amministrazione. I due hanno un rapporto che Marroni nel suo interrogatorio davanti i magistrati racconta così: “Ho conosciuto Verdini nel […]
Politica - 15 febbraio 2017

Marra-Raggi: la chat tagliata diventa un assist per Di Maio

Torna alta la tensione tra grande stampa e M5S. Nel mirino del trio Repubblica-Corriere della Sera-Messaggero ieri è finito il bersaglio grosso: Luigi Di Maio. I tre giornali pubblicano stralci di un messaggio inviato dal vicepresidente della Camera a Virginia Raggi e da quest’ultima girato al suo ex braccio destro Raffaele Marra. “Di Maio ha […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×