/ / di

Bruno Tinti Bruno Tinti

Bruno Tinti

Ex magistrato, giornalista e scrittore italiano

Prima di dedicarmi al giornalismo e alla scrittura di saggi, sono stato magistrato, dal 1967 al 2008. Entro in magistratura pochi giorni dopo aver compiuto 25 anni e prendo subito servizio a Torino. Dopo qualche anno in Tribunale, divengo prima Giudice Istruttore e poi Sostituto Procuratore della Repubblica, ruolo che ho continuato a svolgere fino a quando ho lasciato la magistratura; dal 1990 al 1995 sono Procuratore della Repubblica a Ivrea; dal 1995 al 2008 Procuratore aggiunto a Torino.

Nel 1982 comincio a occuparmi di reati tributari, societari e fallimentari; ho coltivato questa specializzazione per tutta la mia vita professionale e, come procuratore aggiunto, sono stato a capo del pool specializzato in diritto penale dell’economia. In questo settore mi sono occupato di indagini di rilevante spessore; tra queste quelle relative al caso “Telekom Serbia”, che manda assolti esponenti di vertice della sinistra italiana (Romano Prodi, Lamberto Dini, Piero Fassino).

Mi specializzo anche in informatica giudiziaria e, dal 1995 al 2008, sono stato referente informatico per il Ministero della Giustizia presso la Corte d’Appello di Torino: gestivo l’organizzazione informatica degli uffici giudiziari del Piemonte e studiavo e realizzavo nuove procedure per la creazione e l’utilizzazione del cosiddetto fascicolo informatico, nonché per l’organizzazione del lavoro dei magistrati e della loro partecipazione alle udienze penali.

Mi sono dedicato a un’attività di studio nel campo del diritto che ha portato alla pubblicazione di un manuale di diritto penale tributario (Contravvenzioni e delitti tributari – Utet 1986) e di numerosi articoli in materia tributaria e societaria su riviste specializzate. Tra il 1995 e il 2000 sono stato professore a contratto presso l’Università del Piemonte Orientale dove ho tenuto un corso di Diritto Penale Tributario. Tra il 1992 e il 2000 sono stato presidente, in successione, di tre Commissioni ministeriali per l’elaborazione di una nuova legge penale tributaria che sostituisca la legge 516/82; il Parlamento italiano approverà la nuova legge con modifiche tali da snaturarne completamente l’impianto, sì da renderla del tutto inefficiente.

Lasciata la magistratura, scrivo tre libri, Toghe rotte (2007), La Questione Immorale (2009) e La rivoluzione delle tasse (2012), tutti per Chiarelettere. Ho descritto lo stato comatoso della giustizia italiana, proposto le riforme necessarie per renderla efficiente e analizzato le leggi emanate allo scopo di assicurare l’impunità al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e agli altri politici accusati di reati contro la Pubblica Amministrazione, quali corruzione, frode fiscale, falso in bilancio. Nel 2009 sono diventato azionista del nuovo giornale Il Fatto Quotidiano, di cui sono anche collaboratore stabile: tengo una rubrica ebdomadaria, “Giustamente”, che esce ogni venerdì e pubblica articoli in materia di giustizia e politica.

Dal 2009 sono iscritto all’Ordine degli Avvocati di Roma.

Post di Bruno Tinti

Commenti - 19 maggio 2016

A ogni reato il suo processo-tipo: così si esce dall’impasse

Marchionne ha deciso: voglio una vettura che trasporti 4 persone a 150 km/ora e che consumi un litro di benzina per 40 km. Gli arriva un progetto: la macchina porta 4 persone ma pesa 2 tonnellate; ragion per cui consuma 1 litro per 10 km; se non supera i 100; a 150 se ne fanno […]
Commenti - 18 maggio 2016

I nuovi reati dei pubblici ufficiali

Al Senato, in commissione Giustizia, si sta esaminando un ddl (1627) già approvato dalla Camera. Si tratta di due nuovi reati, la falsa testimonianza resa da un pubblico ufficiale e il depistaggio. Una buona notizia. Per la falsa testimonianza del pubblico ufficiale (dovrebbe essere prevista da un nuovo articolo del codice penale, il 372 bis) […]
Commenti - 12 maggio 2016

Sui valori di tutti non ci si può tappare le orecchie

Al tempo di Berlusconi che pretendeva l’impunità come condizione per governare, la scelta era semplice: la governabilità non può fondarsi sulla illegalità. Oggi il referendum sulla riforma costituzionale non propone una scelta così elementare; e lo spazio per alternative diverse la rende molto complicata. Al netto di un’opposizione esclusivamente politica che prescinde dal merito della […]
Commenti - 5 maggio 2016

Ankara, elogio della rissa in Parlamento

Pare che lo sport nazionale turco sia la lotta. Una conferma parrebbe arrivare dai video che girano in Rete in questi giorni: i parlamentari turchi se le danno di santa ragione. I commenti sono tutti abbastanza sprezzanti: immaturità politica, pensare che questa gente vuole entrare in Europa. Per quanto mi riguarda ho molto simpatizzato per […]
Commenti - 28 aprile 2016

La delinquenza in politica è un fatto, non un’opinione

Sul sito Tgcom24.mediaset.it, calcolano in un numero variabile tra 90 e 120 gli inquisiti/condannati in Parlamento negli anni 2012/2013; sempre Tgcom24 calcola in 80 questo numero nel solo 2015. Su un totale di 957 parlamentari la percentuale di delinquenza oggetto di indagini o accertata si aggira dunque tra il 9 e il 12%. Secondo l’Istat, […]
Commenti - 23 aprile 2016

Privacy e codice, altro non serve

Con buona pace di Renzi&C., le leggi vigenti disciplinano compiutamente la diffusione del contenuto delle intercettazioni; sicché di nuove non vi è alcun bisogno. Vediamo come stanno le cose. Il D.Lgs. 30/6/2003, n. 196 (cd legge sulla Privacy) divide in varie categorie i dati personali soggetti a tutela. Tra questi i “dati personali” (qualunque informazione relativa […]
Commenti - 21 aprile 2016

Gli automatismi logici di chi odia la magistratura

Da magistrato e poi da scrittore e giornalista ha tenuto molte conversazioni pubbliche; al 90 per cento in tema di giustizia e di politica che, ahinoi, sono indissolubilmente connesse nel nostro Paese. Quasi sempre ci sono state persone che mi hanno contestato la scarsa affidabilità dei giudici, che – si sa – sono venduti e […]
Commenti - 14 aprile 2016

Intercettazioni: la giurisprudenza della Corte europea

Nel 2004 Carolina di Monaco e suo marito, il principe di Hannover, andarono a sciare mentre il padre di Carolina, principe Ranieri, giaceva malato nel suo letto. Fotografati sulle piste, ritennero che l’opinione pubblica avrebbe concluso che della malattia dell’augusto genitore poco gliene importasse. Sicché ricorsero alla CEDU, dopo che i giudici tedeschi avevano respinto […]
Giustizia & Impunità - 13 aprile 2016

Intercettazioni, la bufala del governo Renzi continua

Ogni volta che li scoprono con le mani nel vasetto della marmellata i politici si arrabbiano. Non sta bene che la marmellata sporchi, adesso faremo una legge che renda obbligatoria la marmellata che non lascia tracce; è una questione di civiltà. Il copione è sempre lo stesso: i processi si fanno nelle aule di giustizia e […]
Commenti - 13 aprile 2016

Intercettazioni, la bufala continua

Ogni volta che li scoprono con le mani nel vasetto della marmellata i politici si arrabbiano. Non sta bene che la marmellata sporchi, adesso faremo una legge che renda obbligatoria la marmellata che non lascia tracce; è una questione di civiltà. Il copione è sempre lo stesso: i processi si fanno nelle aule di giustizia […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×