Terrorismo, perché non riusciremo mai a “fermarli prima”

12 Giugno 2017

Il copione è sempre lo stesso: Youssef Zaghba, uno degli attentatori di Londra, era noto alle autorità italiane e poi inglesi, cui erano state trasmesse le informazioni disponibili. Quali erano gli elementi che lo rendevano un sospetto terrorista? Aveva un biglietto aereo per Istanbul e niente bagaglio; e poi – ovviamente – si chiamava come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.