/ / di

Lavoce.info Lavoce.info

Lavoce.info

Watchdog della politica economica italiana

La crescente concentrazione di potere mediatico nel nostro Paese condiziona il confronto civile spingendo a schierarsi, a prendere posizioni estreme. Si può solo essere pro o contro. Pressoché bandite dalle TV le riflessioni, le analisi, l’informazione che vada in profondità. Vogliamo usare la nostra voce in un altro modo. Dal luglio 2002, quando è nata lavoce.info, cerchiamo di informare e di offrire uno strumento di approfondimento per chi non si accontenta del giudizio sommario e delle parole d’ordine. Una voce libera e indipendente. Informiamo e, soprattutto, proponiamo analisi indipendenti di fatti e notizie, con lo scopo di offrire un servizio utile a tutti coloro che accettano di misurarsi, senza pregiudizi, su questioni complesse. La nostra ambizione? Essere competenti nella critica, provocatori nei contenuti ed equilibrati nelle proposte. Vogliamo essere qualcosa che in Italia manca: una testata, che svolga la funzione di “watchdog”, di cane da guardia, che valuti criticamente la politica economica, disinteressandosi dell’uso politico che può essere fatto di ciò che scrive. È un ruolo ambizioso ma non presuntuoso e, crediamo, importante. Soprattutto in un momento in cui ogni errore tecnico, ogni difetto di progettazione o ritardo ha costi molto elevati per il nostro paese.

La redazione è attualmente costituita da 27 membri “stabili” e da un grande numero di collaboratori. Il comitato di redazione, responsabile dei testi non firmati, è attualmente formato da Tito Boeri, Daniele Checchi, Francesco Daveri, Giuseppe Pisauro e Fabiano Schivardi.. I membri della redazione in aspettativa per incarichi parlamentari o di governo scrivono su temi non attinenti al loro incarico e non partecipano alle scelte redazionali.

Post di Lavoce.info

Scuola - 14 marzo 2015

I primi passi della ‘Buona scuola’

Il Consiglio dei ministri ha varato i primi provvedimenti sulla scuola. Sono tre sono le questioni che avranno gli effetti maggiori sul suo funzionamento: gestione del personale insegnante, rigidità degli insegnamenti e ruolo dei dirigenti. Per tutte e tre restano aperti i problemi di attuazione. di Daniele Checchi*, 13 Marzo 2015, lavoce.info La gestione degli insegnanti […]
Sport & miliardi - 11 marzo 2015

Non solo Parma, il calcio italiano in cerca di profitto

parma calcio 675 Perché qualcuno dovrebbe investire in una squadra di calcio? Ormai sorpassato il modello italiano che confidava nella visibilità mediatica, resta una sola risposta: “Per fare soldi”. Ma ciò implica che le società siano gestite in modo economicamente sostenibile. Club che danno il buon esempio. di Fausto Panunzi* (lavoce.info) Il modello di business nel calcio Il […]
Donne di Fatto - 7 marzo 2015

Quote rosa italiane, un modello che funziona

Nei Cda delle grandi aziende europee la presenza delle donne è in media del 20 per cento, in netto miglioramento rispetto al passato. Merito anche delle leggi che impongono le quote di genere. E quella italiana ha dato ottimi risultati. Il confronto con la Spagna. di J. Ignacio Conde-Ruiz* e Paola Profeta** (lavoce.info) Le donne nei […]
Economia & Lobby - 5 marzo 2015

Delega fiscale tra rinvii e intrecci pericolosi

A che punto è l’attuazione della delega fiscale approvata un anno fa? Qualcosa è stato fatto per semplificare il sistema, ma i temi più importanti non sono ancora stati affrontati. E l’intreccio tra delega e legge di stabilità ripropone il vizio italiano di procedere in modo poco organico. di Maria Flavia Ambrosanio (Fonte: lavoce.info) Sei mesi in […]
Zonaeuro - 1 marzo 2015

Grecia: il problema ‘primario’ di Varoufakis

Si parla molto di Grecia, ma senza soffermarsi sulla situazione effettiva delle sue finanze. I dati dicono che a gennaio 2015 il saldo primario è stato inferiore al target fissato, al contrario di quanto accaduto per quasi tutto il 2014. Ecco perché potrebbe essere un problema per Varoufakis. di Silvia Merler, 27.02.15, lavoce.info La situazione delle finanze […]
Lavoro & Precari - 24 febbraio 2015

Jobs act: il contratto a tutele crescenti è legge. È una buona notizia?

renzi-poletti-675 Il contratto a tutele crescenti è legge dello Stato: dal 1° marzo regolerà le nuove assunzioni a tempo indeterminato. Porterà davvero a un miglioramento del mercato del lavoro? Dipende dalla sua capacità di ridurre la precarietà. E il risultato non è scontato. Gli effetti del decreto Poletti. di Pietro Garibaldi* (Fonte: lavoce.info) Una buona notizia? […]
Zonaeuro - 20 febbraio 2015

Grexit, la sottile linea rossa dell’euro

Le recenti vicende greche e alcune decisioni della Bce hanno riacceso i dubbi sul futuro dell’euro, ma anche sull’esistenza di un’unica banca centrale in Europa. I governi europei sapranno arginare le spinte nazionalistiche e ridare vigore alla costruzione europea? di Marcello Esposito* e Rony Hamaui** (Lavoce.info) La Bce e la Grecia Quando nel gennaio del 1999 […]
Giustizia & Impunità - 17 febbraio 2015

Zona a luci rosse, quali sono i limiti?

prostituzione nigeria 640 Il sindaco di Roma propone la creazione di un’area dove la prostituzione sarebbe tollerata. Ma lo zoning ha effetti positivi e negativi. In ogni caso, in Italia prostituirsi non è un reato e interventi di questo tipo sono difficili da attuare. Multe per i clienti e compensazioni per i residenti. di Giovanni Immordino* (lavoce.info) Una […]
Donne di Fatto - 12 febbraio 2015

Figli e carriera, se l’unica soluzione è congelare gli embrioni

madre-e-figlia-640 L’evidenza empirica mostra che ritardare la nascita del primo figlio ha effetti positivi sui risultati delle madri nel mercato del lavoro. Anche in Italia. Se però si rimanda troppo, diventa difficile riuscire ad avere il numero di figli desiderato. L’importanza delle politiche di conciliazione. di Massimiliano Bratti* (lavoce.info) Età delle madri, primo figlio e carriera […]
Zonaeuro - 10 febbraio 2015

Grecia, i rischi della nuova crisi

grecia 675 La Grecia è nuovamente l’epicentro della crisi europea. Un compromesso tra le richieste del governo Tsipras e le esigenze degli altri paesi Ue sarebbe possibile e auspicabile, ma l’accordo non è scontato. Nel frattempo i mercati restano calmi. Grazie soprattutto alle mosse della Bce. di Marco Pagano* (Fonte: lavoce.info)  Le incerte richieste di Tsipras sul […]

•Ultima ora•

×