/ / di

Lavoce.info Lavoce.info

Lavoce.info

Watchdog della politica economica italiana

La crescente concentrazione di potere mediatico nel nostro Paese condiziona il confronto civile spingendo a schierarsi, a prendere posizioni estreme. Si può solo essere pro o contro. Pressoché bandite dalle TV le riflessioni, le analisi, l’informazione che vada in profondità. Vogliamo usare la nostra voce in un altro modo. Dal luglio 2002, quando è nata lavoce.info, cerchiamo di informare e di offrire uno strumento di approfondimento per chi non si accontenta del giudizio sommario e delle parole d’ordine. Una voce libera e indipendente. Informiamo e, soprattutto, proponiamo analisi indipendenti di fatti e notizie, con lo scopo di offrire un servizio utile a tutti coloro che accettano di misurarsi, senza pregiudizi, su questioni complesse. La nostra ambizione? Essere competenti nella critica, provocatori nei contenuti ed equilibrati nelle proposte. Vogliamo essere qualcosa che in Italia manca: una testata, che svolga la funzione di “watchdog”, di cane da guardia, che valuti criticamente la politica economica, disinteressandosi dell’uso politico che può essere fatto di ciò che scrive. È un ruolo ambizioso ma non presuntuoso e, crediamo, importante. Soprattutto in un momento in cui ogni errore tecnico, ogni difetto di progettazione o ritardo ha costi molto elevati per il nostro paese.

La redazione de lavoce.info è attualmente costituita da 32 membri “stabili” e da un grande numero di collaboratori. Il comitato di redazione, responsabile dei testi non firmati, è attualmente formato da Angelo Baglioni, Massimo Bordignon, Francesco Daveri, Michele Pellizzari e Michele Polo. I membri della redazione in aspettativa per incarichi parlamentari o di governo scrivono su temi non attinenti al loro incarico e non partecipano alle scelte redazionali. Alla vita de lavoce.info ha partecipato anche Riccardo Faini, scomparso il 20 gennaio 2007.

Post di Lavoce.info

Sport & miliardi - 22 maggio 2015

Calcioscommesse, l’eterno ritorno difficile da debellare. O quasi

diritti tv 675 Il calcioscommesse è estremamente difficile da debellare, come la cronaca degli ultimi anni mostra. E non solo in Italia. Gli antidoti proposti in questi giorni sono illusori. E anche un ricambio ai vertici del calcio servirebbe a poco. Un fenomeno con cui convivere? Certamente non va ignorato. di Fausto Panunzi* (lavoce.info) Un copione già visto […]
Economia & Lobby - 20 maggio 2015

Il denaro elettronico deterrente per l’evasione? Il vero ostacolo e i molti alibi

Il 60 per cento degli italiani è favorevole ad abbandonare il denaro contante per passare a quello elettronico. Anche perché questa forma di pagamento renderebbe più difficile l’evasione, la corruzione, le attività criminali e molte altre pessime abitudini. Il vero ostacolo e i molti alibi. di Emiliano Mandrone** (lavoce.info) Dalla corruzione all’evasione I tempi (17 mesi) […]
Zonaeuro - 16 maggio 2015

Quantitative easing: torna la fiducia con il bazooka di Draghi?

Il Qantitative easing della Bce è partito il 9 marzo 2015. È troppo presto per vederne i primi effetti oppure qualcosa già si muove? La più importante operazione di politica monetaria dalla nascita dell’euro sembra aver prodotto un primo risultato: il ritorno della fiducia tra gli operatori* di Stefano di Colli**(lavoce.info) Il bilancio del primo mese […]
Economia & Lobby - 13 maggio 2015

Unioni civili: una pensione in eredità. Lo scoglio del ddl

Uno dei principali ostacoli all’approvazione del disegno di legge sulle unioni civili è che il loro riconoscimento porterebbe a maggiori costi per l’aumento del numero delle pensioni di reversibilità. L’attesa di vita dei superstiti e la redistribuzione dai single agli sposati. di Sandro Gronchi e Riccardo Conti (Fonte: lavoce.info) Reversibilità e sistema contributivo Il disegno […]
Lavoro & Precari - 2 maggio 2015

Politiche del lavoro: evitare i carrozzoni

La riforma delle politiche attive del lavoro è necessaria, ma è stata inserita in un disegno normativo molto vasto, con inevitabili ritardi. L’agenzia nazionale rischia di divenire un inutile carrozzone. Meglio limitare il potere legislativo delle regioni e creare uno sportello unico del lavoro. di Francesco Giubileo, 30 aprile 2015, lavoce.info Uno, nessuno, centomila modelli La […]
Economia & Lobby - 30 aprile 2015

Pensioni: dove nascono i diritti acquisiti

pensioni 675 I lavoratori tendono a considerare il trattamento previdenziale previsto dalla legislazione vigente nel periodo in cui versavano i contributi come una promessa, un diritto acquisito. Ma quale pensione è economicamente lecito attendersi? La disparità di trattamento fra generazioni. di Vincenzo Galasso* (Fonte: lavoce.info) Diritti acquisiti: e l’economia? Nel 2013, la spesa totale per pensioni in Italia […]
Economia & Lobby - 28 aprile 2015

Def e infrastrutture: per un pugno di opere

La svolta decisa dal governo per le infrastrutture medie e piccole dovrebbe essere adottata anche per quelle grandi, abbandonando così l’idea che le opere “strategiche” generino una forte domanda. Altrimenti, dovremo rassegnarci ai cantieri “stop and go”. E al moltiplicarsi dei costi. Paolo Beria, Raffaele Grimaldi e Francesco Ramella, 24.04.15, lavoce.info Dalla “lista pesante” alla […]
Mondo - 22 aprile 2015

Naufragio migranti: tutti i numeri delle migrazioni e la soluzione possibile

immigrati sbarchi 675 I rifugiati nel mondo hanno superato i 50 milioni. E ad accoglierli sono soprattutto i paesi più vicini agli epicentri di crisi: Libano, Turchia, Giordania. In Europa, regole di Dublino e gestione nazionale di immigrazione e asilo generano politiche letteralmente disumane. La soluzione possibile. di Maurizio Ambrosini* (Fonte: lavoce.info) I numeri delle migrazioni La nuova […]
Lavoro & Precari - 21 aprile 2015

Salario minimo, quali effetti avrebbe sui lavoratori

Se è troppo alto, il salario minimo può causare disoccupazione, ma allo stesso tempo sostiene il potere d’acquisto dei lavoratori con retribuzioni basse. Che effetto avrebbe in Italia? Un calcolo su dati del periodo 1993-2012 dice che l’aumento della diseguaglianza sarebbe stato molto inferiore. di Lorenzo Cappellari e Marco Leonardi * (Fonte: lavoce.info) Vantaggi e svantaggi […]
Lavoro & Precari - 14 aprile 2015

Lavoro, per colpa della crisi cala anche la richiesta di qualità

L’aumento della disoccupazione non è la sola conseguenza della crisi sul mercato del lavoro italiano. Si aggiunge anche una diminuzione dell’utilizzo della forza lavoro occupata. Ne è un esempio il massiccio ricorso alla cassa integrazione. Ripercussioni anche sulla qualità della domanda di lavoro. di Guido Baronio* (lavoce.info) Il lavoro in crisi Le conseguenze della crisi […]

•Ultima ora•

×