Diventare influencer sul web è un’aspirazione di molti, specie tra i più giovani, i quali con i social network hanno capito che potrebbero guadagnare bene. E’ un percorso lento e faticoso che deve portare il tuo pubblico a seguirti, ad avere fiducia in te; c’è bisogno di un’interazione e di un confronto con i tuoi seguaci e di avere spirito imprenditoriale.

Instagram è uno dei social più utilizzati dalle aziende per i promuovere i propri prodotti; per questo spesso chiedono il supporto di persona con migliaia di seguaci come testimonial del loro brand. Ma siamo proprio sicuri che quei follower siano tutti reali? Un articolo del The Daily Telegraph Australia denuncia come il mercato si sia accorto del business dei fake che portano le aziende a non avere nessun ritorno di immagine. Il meccanismo è semplice: ci si affida a siti su cui poter comprare follower (seguaci) e il gioco è fatto. Improvvisamente da poche centinaia di utenti si passa ad essere seguiti da migliaia. Non solo, si possono comprare anche i like ai propri post e commenti.

Il digital strategist Hugh Stephens, direttore di Dialogue Group, aveva già dichiarato che ci sarebbe stato un crollo del marketing online a causa dell’incremento dei “falsi famosi” sui social.

Un altro problema che attende chi fa business sui social network sarà quello di specificare con l’hashtag #ad o dichiarando esplicitamente che il post è sponsorizzato, alterando la capacità di influenzare sottilmente i loro seguaci. Tempi duri per gli aspiranti influencer, insomma.

Molti finora i nomi di chi grazie ai social ha fatto la propria fortuna. Basta pensare a Huda Kattan, blogger che si occupa di beauty, che per un singolo post su Instagram chiede 18 mila dollari o di Chiara Ferragni, la fashion blogger made in Italy che ne chiede 12 mila. Ecco allora che su Internet si affaccia una nuova figura: il coach che insegna a usare Instagram per diventare influencer o insegna alle aziende a sfruttarne il business. Tra fake, bot e tutta questa virtualità, non è che il passaparola sarà sempre il mezzo più efficace per influenzare amici e conoscenti? Sarà indubbiamente un po’ vintage, ma ha contribuito al successo di molti.