“Nelle carte egiziane ci saranno soltanto bugie“. Sono le parole di Ahmed Abdallah, avvocato della famiglia Regeni, dopo l’annuncio del governo italiano di rimandare l’ambasciatore al Cairo, tra le proteste della famiglia, in seguito ai nuovi atti che l’Egitto ha inviato alla procura di Roma. Intervistato dal Corriere della Sera, Abdallah è intervenuto anche sulla clamorosa rivelazione del New York Times Magazine di “prove esplosive raccolte dall’amministrazione Obama e girate al governo Renzi” sulla morte di Giulio Regeni, il ricercatore italiano ucciso in Egitto nel febbraio del 2016: “Mi aspettavo che ci fosse stata una comunicazione tra Roma e Washington, ma adesso vogliamo sapere la verità da entrambi i governi, americano e italiano”. In merito, la fonte del quotidiano americano afferma di non avere “dubbio alcuno che dai documenti che trasmettemmo all’Italia si potesse capire quello di cui eravamo fortemente convinti: che i servizi di sicurezza egiziani fossero responsabili del rapimento e dell’omicidio di Giulio Regeni”, come ha rivelato in un’intervista a Repubblica.

Da una parte i nuovi atti che l’Egitto ha inviato alla procura di Roma, dall’altra le informazioni girate dagli 007 statunitensi a Palazzo Chigi. Gli sviluppi nel caso di Giulio Regeni non convincono Abdallah, presidente della Commissione egiziana per i diritti e le libertà, ong che offre consulenza ai legali della famiglia del ricercatore ucciso. Così, mentre i giornali egiziani festeggiano il ritorno dell’ambasciatore italiano, l’avvocato avverte: “Non c’è nessuna cooperazione tra gli inquirenti”. “Il procuratore generale Nabil Ahmed Sadek, che dovrebbe garantire la giustizia in Egitto, ha rifiutato finora di consegnarci il fascicolo sull’uccisione di Giulio e ha bloccato ogni tentativo legale di ottenerlo. La famiglia non ha avuto nessuno degli atti”, ha spiegato al Corriere.

“Non sappiamo nemmeno se quelli inviati agli inquirenti italiani siano un riassunto dell’inchiesta oppure gli originali – ha aggiunto Abdallah – sulla base di quello che abbiamo visto sinora, mi aspetto che il fascicolo sia pieno di bugie”. “Abbiamo diversi nomi”, ha spiegato il legale, arrestato il 25 aprile 2016 e rimasto quattro mesi e mezzo in carcere. “Il primo è quello di Sharif Magdi Abdlaal, il capitano della sicurezza di Stato che diede la telecamera per monitorare Regeni al capo del sindacato dei venditori ambulanti. Abdlaal è la stessa persona che ordinò il mio arresto e falsificò le prove contro di me”. Poi c’è il colonnello Mahmoud al Hendy, “che mise i documenti di Giulio nella casa del presunto capo dei gangster accusati di aver rapito il ragazzo”, ha detto nell’intervista al quotidiano di via Solferino. “Entrambi sono potenti e non sono stati incriminati né sottoposti a indagini serie: possono manipolare le prove e minacciare chiunque sia pronto a dire la verità”, ha poi concluso Abdallah.

Verità che l’avvocato della famiglia Regeni chiede anche sui documenti passati dagli Usa al governo Renzi. A far scoppiare il caso, rivelandolo al Nyt, è stato un alto funzionario dell’amministrazione Obama, rimasto anonimo, che ora ha confermato a Repubblica: “Chiedemmo di passare agli italiani quante più informazioni possibili”. E’ una delle persone che ha seguito fin dal primo momento il caso Regeni, “perché ci aveva sconvolto e temevamo che la stessa cosa potesse accadere a un americano”. Gli 007 statunitensi non aprirono un’inchiesta specifica, ha spiegato la fonte, ma raccolsero molto materiale. “Concludemmo che la responsabilità era dei servizi di sicurezza egiziani – ha rivelato – so per certo che le informazioni furono trasmesse via servizi segreti, non per canali diplomatici, e che lo scambio avvenne in diverse occasioni, non in una sola volta. Tutto questo accadde nelle settimane successive al ritrovamento del corpo di Regeni”.

Cosa contenessero esattamente i documenti arrivati a Roma non è dato saperlo. L’alto funzionare ha spiegato a Repubblica della necessità di “proteggere le fonti”. “Per questo non so dire se fu rivelata l’identità dell’unità specifica responsabile della morte di Giulio”. “Ma non ho dubbio alcuno – ha aggiunto – che dai documenti che trasmettemmo all’Italia si potesse capire quello di cui eravamo fortemente convinti: che i servizi di sicurezza egiziani fossero responsabili del rapimento e dell’omicidio di Giulio Regeni. E che quello che era accaduto fosse noto ai livelli più alti dello Stato egiziano”.