“Jihadisti della porta accanto … ancora più pericolosi perché perfettamente integrati”. È la riflessione che si legge nelle motivazioni della sentenza della Corte d’Assise d’appello di Milano che, a maggio, ha confermato le condanne a 6 anni per il tunisino Lassaad Briki (difeso da Vittorio Platì) e per il pakistano Muhammad Waqas (difeso da Luca Crotti), arrestati nel 2015 e che, intercettati, parlavano di un attentato da compiere alla base Nato di Ghedi (Brescia). La Corte, presieduta da Sergio Silocchi, parla anche dei “recentissimi attacchi” in Europa e spiega che il reato di terrorismo internazionale, che giustifica arresti e condanne, “può avere ad oggetto anche attività” solo “preparatorie”.

L’Isis segue una “strategia della tensione diretta a sconvolgere le regole del vivere quotidiano e a restringere di conseguenza spazi di libertà individuale e di aggregazione, imponendo ai Paesi sotto minaccia un massiccio e logorante impegno nelle investigazioni e nella predisposizione di forze dell’ordine” e, allo stesso tempo, ragionano i giudici “istigando singoli individui” ad azioni terroristiche “prive di programmazione” e che dunque “difficilmente” possono essere “previste e sventate”.

I due imputati sarebbero stati degli “jihadisti della porta accanto“, addetto alle pulizie in un’azienda il tunisino e autista in una ditta di distribuzione alimentare il pakistano. Entrambi, tuttavia, secondo l’accusa, erano parte “dell’associazione terroristica più pericolosa e più sanguinaria al mondo”, l’Isis, e “ancora più pericolosi perché perfettamente integrati“. Sarebbero stati loro anche gli autori di quei famosi selfie di propaganda e minacce davanti al Duomo di Milano e al Colosseo di Roma. Fotografie, notate sul web nella primavera 2015, nelle quali comparivano cartelli con su scritto “siamo nelle vostre strade”. In alcune intercettazioni, poi, Briki diceva di volere “entrare in una base militare in un Paese di miscredenti (…) una bella botta (…) se non ammazzo brucio un aereo“.

Quelle foto con “minacce” e “proclami”, scrive la Corte nelle motivazioni, hanno “effettivamente creato allarme nei cittadini”, “apprensione anche in testate giornalistiche e telegiornali, nonché in comuni cittadini, che si sono infatti adoperati per aiutare le forze dell’ordine nell’identificazione del titolare dell’anonimo utente della rete” autore delle immagini. Tutto ciò, secondo i giudici, già integra “condotte con finalità di terrorismo, perché compiute con lo scopo di intimidire la popolazione e costringere la pubblica autorità a predisporre” mezzi “di controllo e sorveglianza, che per forza di cose vanno ad incidere sulle libertà fondamentali dei cittadini”. L’Isis, infatti, punta ad “alimentare” un “opprimente clima di costante timore nei cittadini per la preoccupazione di poter costituire un bersaglio di imprevedibili attentati”. I giudici fanno riferimento anche a quegli “attacchi individuali” avvenuti in Europa “con automezzi lanciati contro la folla inerme, con ordigni esplosivi rozzamente assemblati, con aggressioni letali all’arma bianca”.