Resta in ospedale Max Biaggi a due settimane dal grave incidente in pista a Latina dove erano in corso le prove per gli internazionali di Supermoto. Secondo indiscrezioni le lesioni riportate nell’incidente interessano entrambi i polmoni e non uno come avevano riferito i medici inizialmente. Nell’impatto il pilota si è fratturato la clavicola destra e 11 costole, due delle quali renderebbero più complesso il recupero a seguito del loro accavallamento. La prognosi resta riservata.

In assenza di comunicazioni ufficiali, nella giornata di ieri il campione del mondo di motociclismo è stato sottoposto a un nuovo intervento chirurgico al polmone. Un’operazione successiva “al drenaggio toracico che si era reso necessario in seguito a un incremento della falda del pneumotorace destro”. Secondo quanto riportato da Gpone, l’intervento in anestesia totale è perfettamente riuscito.

Intanto, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha dato la piena disponibilità dell’Istituto di Medicina e Scienze dello Sport di Roma per il successivo percorso di riabilitazione: “Sono stato a trovare Biaggi al San Camillo e sono in costante contatto con lui. Siamo vicini a Max, ci sarà una gestione post-intervento per la riabilitazione, che sarà abbastanza lunga. La farà qui a Roma e il nostro istituto di medicina dello sport sarà a suo supporto”.