“Ci sono ministri che hanno preso non uno, ma tre Rolex e sono ancora in carica”. Simona Vicariall’indomani dall’esplosione dell’inchiesta che ha portato alle sue dimissioni da sottosegretario, ha così snocciolato al Corriere della Sera uno dei principali argomenti della sua autodifesa. Secondo solo al suo ribadire che l’orologio ricevuto in regalo dall’armatore Morace “riguarda i rapporti con le persone che uno ha a prescindere. Dalle intercettazioni si capisce benissimo che si tratta di un regalo di Natale. Poi sì, io ho chiamato per ringraziare. Ma se lo avessi fatto per corruzione, secondo lei avrei ringraziato?”, insiste l’ex sottosegretario. Che, sostiene ancora, di non aver “agito nell’interesse di una persona, ma nell’interesse di una categoria. Il trasporto marittimo era l’unico mondo rimasto fuori dall’esenzione dell’Iva e il ministro Delrio era a conoscenza di quell’emendamento”.

Non la pensano così gli inquirenti. “E’ ampiamente dimostrato che a seguito di un esercizio delle sue funzioni smaccatamente orientato a favore degli interessi” dell’armatore Ettore Morace, la sottosegretaria ai Trasporti ha accettato “di buon grado un costoso orologio marca Rolex il cui valore per quanto si evince dalle intercettazioni parrebbe aggirarsi intorno ai 5.800 euro”, si legge nell’atto di accusa del gip di Palermo. “Deve necessariamente escludersi che siffatta cospicua dazione possa confinarsi tra le cosiddette regalie d’uso, fermo restando peraltro che secondo l’univoca giurisprudenza della Suprema Corte anche la corresponsione di utilità di modico valore ben può integrare il reato di corruzione propria”, dice ancora il gip. “Proprio per il suo ingente ed intrinseco valore la dazione di cui si discute appare tendenzialmente proporzionata al vantaggio patrimoniale percepito da Morace grazie all’approvazione dell’emendamento in materia di trasporto marittimo e dunque direttamente correlata all’ingerenza indebitamente esercitata dalla Vicari onde favorire gli interessi del titolare di Liberty Lines”, si legge nelle carte.

E poi: “Del resto le stesse modalità fortemente criptiche con cui Morace ha gestito telefonicamente l’acquisto dell’orologio di marca paiono sintomatiche della piena consapevolezza in capo all’indagato circa l’illiceità delle sue condotte palesemente tese a remunerare indebitamente un pubblico ufficiale per le attenzioni riservatigli al momento dell approvazione del fondamentale emendamento”. E ricorda anche l’assunzione del fratellastro della Vicari alla Liberty Line nel 2016 (“Ma quando mai? Mio fratello si è laureato in giurisprudenza un anno fa e alla Liberty Lines sta facendo uno stage a tempo determinato”, ribatte la Vicari al Corsera). “In punto di diritto – spiega in ogni caso il gip – ammesso e non concesso che dietro il mercimonio delle funzioni intestate alla Vicari non vi sia stato un previo accordo criminoso con Morace, in astratto peraltro riconducibile all’assunzione in Liberty Lines del fratellastro della Senatrice risalente al giugno 2016” è “noto che la corruzione susseguente ontologicamente si perfeziona a prescindere dalla sussistenza di un precedente concerto criminoso tra il corrotto e il corruttore”.

Intanto il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta, anch’esso raggiunto da un avviso di garanzia, ha convocato una conferenza stampa a Palazzo d’Orleans insieme al suo avvocato Vincenzo Lo Re per dichiarare di non essere “mai salito sulla barca di Morace, è un falso. E nelle intercettazioni non ci sono neanche conversazioni fra me e Morace. Mi sembra chiaro quindi che fra me e l’armatore non ci dovevano essere queste frequentazioni che oggi leggo sui giornali”. Il governatore e il suo avvocato hanno inoltre sottolineato che nell’invito a comparire della procura “non c’è alcun riferimento a vacanze e a gite in barche. Però – sottolinea Crocetta – è quello per cui oggi sono sui giornali”. Il presidente della Regione ha anche spiegato che se fosse stato in barca “ci sarebbe un resoconto dell’ufficio scorte, come avviene per qualsiasi mio movimento. Saranno gli uffici a smentire quella che è un’affermazione assolutamente falsa”. E aggiunge: “Una vacanza a Filicudi non è una vacanza a Dubai e costa 80 euro al giorno. Porterò in tribunale le testimonianze degli albergatori”.