“Ha detto basta ma non ha urlato“, quindi il fatto non sussiste perché “lei non ha tradito quella emotività che pur doveva suscitare in lei la violazione della sua persona”. Sono queste le motivazioni che hanno portato il tribunale di Torino ad assolvere il 46enne accusato di violenza sessuale su una collega della Croce Rossa. E ora la donna dovrà anche rispondere delle accuse di calunnia per disposizione del giudice.

Il Corriere riporta che durante il processo, alle ripetute domande di chi chiedeva perché non avesse urlato od opposto resistenza, lei aveva risposto tra le lacrime che “con le persone troppo forti io non… io mi blocco“. Ma la testimonianza della donna, già vittima di abusi da parte del padre durante l’infanzia, era confusa, forse per la poca lucidità o per la difficoltà a ricordare fatti di ormai quasi sei anni fa. I fatti presi in esame dal tribunale risalgono infatti al 2011, quando la donna lavorava con contratto interinale alla Croce Rossa di Torino, dove l’imputato era commissario dei volontari.

I giudici quindi riferiscono che la teste “rimane sul vago” e , soprattutto, “non riferisce di sensazioni o condotte molto spesso riscontrabili in racconti di abuso sessuale, sensazioni di sporco, test di gravidanza, dolori in qualche parte del corpo”. La donna afferma di aver provato “disgusto” sulla barella del pronto soccorso dove riferisce essere avvenuta la violenza, “ma non sa spiegare in cosa consisteva questo malessere”.

La corte inoltre specifica che la teste “pare abbia continuato il turno dopo gli abusi”, senza sporgere subito denuncia. Il sostituto procuratore Marco Sanini, che aveva chiesto per l’imputato una condanna a 10 anni di carcere, nel corso della scorsa udienza aveva precisato che il silenzio della donna “su questa dolorosa vicenda” non la rendeva comunque non “attendibile nel raccontare cosa le è stato fatto”. L’imputato, che non ha mai negato palpeggiamenti ed altre effusioni, ha sempre sostenuto che la ex collega fosse consenziente.