Il sabato sera televisivo è un po’ come il calcio nella felice definizione di Gary Lineker: “22 uomini rincorrono un pallone per 90 minuti e alla fine vince la Germania”. La Germania in questo caso è Maria De Filippi, che ieri sera ha frustrato i sogni di gloria di Milly Carlucci, all’esordio stagionale con un Ballando con le stelle mai così ricco. Quattro milioni di spettatori e il 19,13% di share per i vip ballerini di RaiUno, più di cinque e il 23,93% per C’è posta per te su Canale5.

Vittoria netta e indiscutibile, e persino un po’ a sorpresa. Non ci si aspettava il sorpasso, per carità, anche perché la De Filippi ha replicato al ritorno di Ballando con Luciana Littizzetto e Simona Ventura a parlare della recente esperienza sanremese di Bloody Mary, con tanto di video Made in Rai con spezzoni dai Saremo condotti dalle tre signore (più Rocio Munoz Morales, valletta nel Conti I). Ma una sfida più equilibrata sì, anche perché su RaiUno, intanto, stava andando in onda l’all-in di Milly Carlucci, alla ricerca di una rivincita nei confronti dell’avversario storico, soprattutto dopo il trionfo mariano in casa Rai durante la settimana festivaliera.

Un cast mai così ricco di nomi potenzialmente forti (Parietti e De Sio su tutti), giuria agguerrita come al solito, persino Roberta Bruzzone come opinionista fissa, l’ex Amico (e ora arcinemico) di Maria Valerio Scanu nel ruolo di co-conduttore con delega ai social. Milly ha schierato l’artiglieria, dunque, con una Giuliana De Sio inaspettatamente fragile, in lacrime dopo i voti bassissimi dei giurati, e una Alba Parietti gagliarda come sempre, pronta a ribattere ai punzecchiamenti della giuria.

La Carlucci ce l’ha messa tutta, dunque, ma il risultato è quello di sempre. La sfida all’ultimo decimale di share del sabato sera televisivo rischia di diventare un’ossessione per la conduttrice di RaiUno, che forse inizia a sentire troppo il peso di una rivalità accesa e pompata oltre misura anche dalla stampa di settore. Intanto, mentre tra un jive e un paso doble, Milly le prova tutte, dall’altro lato Maria si gode la settima vittoria in sette settimane, ormai perfettamente consapevole che anche quest’anno non la batterà nessuno.