Bersani dovrebbe fare in fretta a presentare il nuovo gruppo, perché più passano le ore e più perde pezzi…”. Un deputato renziano fotografa così la situazione all’interno del Partito democratico alla vigilia della nascita del nuovo gruppo parlamentare degli scissionisti, che vedrà la luce tra venerdì e sabato. Al momento il pallottoliere segna 18 deputati (ma qualcuno ipotizza addirittura 15) e 12 senatori: 30 parlamentari, dunque. Che, uniti ai 17 in arrivo da Sel, permettono di arrivare a 35 deputati (47 parlamentari in tutto), rendendo possibile la formazione di un gruppo autonomo a Montecitorio, che altrimenti sarebbe a rischio. Basti pensare che lunedì gli scissionisti alla Camera si attestavano sui 25. E che a suo tempo i bersaniani erano almeno una decina in più. Tutti numeri più o meno confermati anche dalla Velina Rossa di Pasquale Laurito, vicino a D’Alema. Defezioni, dunque, ci sono state, come quella di Andrea Giorgis, indicato addirittura come possibile capogruppo: invece resterà nel Pd. Chi invece ha annunciato l’uscita è Vasco Errani, ma l’attuale commissario per il terremoto non sta in Parlamento.

I dubbi stanno assalendo quelli meno convinti dell’operazione. Anche perché nel Pd è partita un’azione di trattenimento con diversi personaggi all’opera. Maurizio Martina, per esempio, sta esercitando la sua moral suasion per far restare più gente possibile. Così come gli emissari di Andrea Orlando. Ma pure i deputati franceschiniani si sono attaccati al telefono. Il pressing, dunque, non arriva direttamente dai renziani, che rischierebbero di ottenere l’effetto contrario, ma dalle altre correnti: Giovani Turchi, Areadem di Dario Franceschini, “martiniani”, ma pure l’area di Cuperlo. La motivazione utilizzata è sempre la stessa: bisogna restare perché non possiamo permetterci di regalare il partito a Renzi, più siamo e meglio è. Il pressing finora è riuscito, visto che gli scissionisti a Montecitorio sono passati da 25 a 18. E in Senato, se prima qualcuno ventilava 15 senatori, la pallina da tempo è fissa sul 12. Dall’altra parte, invece, i più attivi nel proselitismo pro uscita sono Roberto Speranza e Nico Stumpo.

Sul nome si sta ancora ragionando, ma probabilmente conterrà la dicitura “i democratici”. “Molti di quelli che sembravano convinti ci stanno ancora pensando. Specie nei territori, in Emilia, Umbria, Marche e Toscana, il richiamo della fedeltà al partito è molto forte”, racconta una fonte del Nazareno.

Nel frattempo gli occhi si puntano sul Senato, dove i 12 senatori in uscita possono rappresentare un brutto colpo per il governo Gentiloni. Intendiamoci, Bersani ha sempre detto che un nuovo partito resterà all’interno della maggioranza e sosterrà il governo. Ma un conto è stare nel Pd, dove le maglie erano più strette, un conto è stare fuori: le mani dei senatori scissionisti – da Doris Lo Moro (indicata come possibile capogruppo) a Miguel Gotor, da Paolo Corsini e Federico Fornaro – saranno più libere. La maggioranza al momento può contare su 161 voti, i 12 scissionisti farebbe scendere il numero a 149, al di sotto della maggioranza assoluta di 157.

Poi bisogna guardare anche alle commissioni di Palazzo Madama: il nuovo gruppo potrebbe incidere su quella per gli Affari costituzionali, ma anche Giustizia, Difesa, Cultura e Lavoro. Bersani potrebbe far pesare i suoi numeri, per esempio, sui decreti attuativi della Buona Scuola, in esame alla commissione Cultura a Palazzo Madama. O sul decreto immigrazione, approvato su proposta del ministro Marco Minniti, che da lunedì scorso è in commissione Giustizia. Da qui dovrà passare anche il decreto sulla sicurezza urbana, mentre in commissione Lavoro i bersaniani potrebbero ripresentare il loro piano di contrasto alla povertà all’interno della legge delega dell’esecutivo in materia. Infine, c’è ancora da eleggere il presidente della Affari costituzionali al posto di Anna Finocchiaro, in una commissione molto importante soprattutto ai fini della nuova legge elettorale.