Dopo la Cia e la Sicurezza Nazionale arrivano i candidati per il Pentagono. Anzi, il candidato. Il neoletto presidente Usa Donald Trump ha incontrato a Bedminster, nel suo golf resort in New Jersey, l’ex generale James Mattis, soprannominato ‘Mad Dog’ e conosciuto per avere guidato i marines nel 2004 nella battaglia di Fallujah, una delle più sanguinose della guerra in Iraq. E per la quale i militari Usa si rifiutarono di dare i numeri delle vittime civili (“We don’t do body count”). Il tycoon lo ha definito “un uomo intelligente, straordinario, con una tale carriera”, ma non si è voluto sbilanciare riguardo ad un possibile incarico: “Vediamo quello che succederà, ma l’unica cosa che vi posso dire che con lui faremmo un vero affare”. Sempre in New Jersey Trump ha incontrato Mitt Romney, l’ex candidato presidenziale, ed ex suo acceso nemico, al quale potrebbe, sempre secondo fonti informate, invece offrire l’incarico di segretario di Stato.

Chi è James Mattis – Secondo le fonti citate dalla Cnn la decisione finale per il Pentagono non è stata ancora presa, ma Trump sarebbe rimasto molto colpito dal curriculum del generale a quattro stelle che ha partecipato in modo attivo sia alle prime fasi della guerra in Afghanistan nel 2001 che all’invasione dell’Iraq nel 2003. Nel 2005 finì al centro di una controversia per aver detto “è divertente sparare contro delle persone” parlando alle reclute a San Diego. Dopo essere stato comandante dell’Allied Command Transformation di Norfolk, nel 2010 è stato promosso all’Us Central Command, con la responsabilità quindi delle forze Usa in Medio Oriente. Ritiratosi dal servizio nel 2013, Mattis ha criticato con forza l’accordo con l’Iran. Per dargli un incarico di governo Trump dovrà però chiedere l’autorizzazione al Congresso, dal momento che il regolamento dice che un militare in pensione deve aspettare sette anni prima di un incarico politico al Pentagono.

L’incontro con Mitt Romney – Il vice presidente eletto, Mike Pence, conferma che la squadra di transizione di Trump sta “seriamente prendendo in considerazione” Mitt Romney come candidato alla poltrona di segretario di Stato. “Il presidente eletto è stato molto contento della visita del governatore Romney, ed hanno avuto un buon colloquio“, ha detto Pence oggi a Fox News commentando l’incontro che ieri hanno avuto i due ex nemici a BedminsterRomney, che come è noto ha attaccato duramente Trump per tutta la campagna elettorale, “è disponibile ad essere considerato per questo importante incarico in questo momento importante per il nostro Paese”.