“Manderemo a casa di tutti un depliant” per il Sì al referendum. “E tutti quelli che dicono che spendiamo soldi pubblici per farlo li quereliamo, poi facciamo un bellissimo fondo e diamo in beneficenza il risarcimento danni”. E’ iniziata la battaglia finale del presidente del Consiglio Matteo Renzi per tentare la rimonta e provare a portare il Sì alla vittoria, a dispetto di tutti i sondaggi. Il capo del governo continua a girare l’Italia: ieri Bari, oggi la Basilicata, domani Ercolano e Foggia. E l’ultima sfida è arrivare in tutte le case, per combattere contro quelli che per giustificare il no “inventano per giustificare il loro No, inventano delle cose che non stanno né in cielo né in terra”. Il premier mostra anche come sarà il volantino che illustrerà cosa cambia in caso di vittoria al referendum: “Se vince il No non cambia nulla”, c’è scritto. L’iniziativa segue quella della lettera spedita agli italiani all’estero. L’opuscolo sull’ultima pagina illustra su due colonne da un lato com’è adesso il sistema istituzionale e dall’altro come cambia se passa la riforma costituzionale, dal taglio dei senatori ai poteri delle Regioni. Nelle pagine centrali si vede invece un collage di volti degli esponenti del fronte del No: da Renato Brunetta a Ciriaco De Mita, a Silvio Berlusconi e Massimo D’Alema. “Se vince il No – insiste – si esce con l’ennesima accozzaglia di tutti senza un ragionamento alternativo”. Il presidente del Consiglio ribadisce che “c’è una parte della vecchia classe politica che è sempre stata a favore delle riforme e ora è contro solo perché vuole tornare. Spero nessuno si spaventi – scherza – vi mostro una foto dei sostenitori delle riforme”. Lo chiama “un gioco delle coppie fantastico”: D’Alema e Grillo, per esempio, “uno che sostiene la politica e uno l’antipolitica. Vendola e La Russa. E’ bellissimo. Siamo meglio di Maria De Filippi“.

Le “accozzaglie” saranno abbattute, dice Renzi, se vince il No. E se vince il No, resterà “un sistema in cui c’è da fare l’inciucio, l’accordo…”. E lui confessa di non essere adatto, nel caso: “A galleggiare non sono bravo – ripete – o mi fate nuotare oppure ci sono persone più brave di me a galleggiare. Non è pensabile che si possa vivacchiare, l’Italia deve cambiare. Io non faccio politica per tenermi aggrappato alla poltrona, se non si può cambiare ditelo: mandiamo gli altri, tenetevi quelli di prima“. E qui, sottolinea, “non è un problema di personalizzare o non personalizzare”.

La sfida è aperta e i temi della riforma, secondo il presidente del Consiglio, dovrebbero piacere non solo agli elettori del Pd. “Se dipendesse dal Pd la vittoria sarebbe assicurata, però non basta e quindi i voti dobbiamo prenderli a destra, da Grillo e dagli altri partiti. Gli italiani devono essere convinti che la riforma è per il Paese, per i nostri figli”. Quanto al Pd, “checché ne dica qualche vostro conterraneo, la stragrande maggioranza è a favore di questo referendum”. Il riferimento è al leader della minoranza del partito, il lucano Roberto Speranza. “Io sono convinto che la maggioranza silenziosa degli italiani sta con noi“.

Vuole i voti grillini, ma attacca il M5s e i suoi leader. “Fate conto di essere di quel partito lì – dice Renzi – un partito che sta difendendo le firme false, i rimborsi del Senato se no gli salta l’ufficio comunicazione, un partito che grida al complotto. Fate conto di essere quel partito lì, volevate cambiare la storia e state cambiando la geografia“. Il riferimento è tra l’altro all’uscita di Beppe Grillo che aveva detto che il Comune di Roma doveva chiedere le tasse ai Musei Vaticani. “E’ come se il sindaco di Matera chiedesse al presidente francese l’affitto dell’Eliseo. Si potrebbe fare una nuova breccia di Porta Pia, con i trolls che entrano in via della Conciliazione e fanno un esproprio proletario… Immagino che abbiano un problema con la geografia, già lo statista campano Di Maio aveva confuso Cile e Venezuela“. Infine i consueti attacchi a Massimo D’Alema (“Vota No perché voleva una poltrona”) e quelli un po’ inediti a Mario Monti: “Abbiamo Mario Monti, che ha votato Sì la prima volta, che poi ha cambiato idea perché Renzi dà i bonus fiscali. Fammi capire Monti: se io alzo le tasse voti Sì, altrimenti voti No? Ma il merito della riforma conta o non conta?”.