Secondo giorno di incontri a Roma per Beppe Grillo e Davide Casaleggio. Dopo i colloqui con i senatori M5s, oggi è il turno dei deputati grillini. L’obiettivo è quello principalmente di affrontare il tema dell’agenda di governo del Movimento che, secondo i piani, sarà votata in rete dagli iscritti M5s usando la piattaforma Rousseau. Di fatto è il primo passo della nuova fase annunciata dal palco di Palermo: i vertici non parlano più solo con il direttorio, travolto dalle polemiche per la gestione del caso Roma, ma cercano di coinvolgere sul piano decisionale anche gli altri eletti.

Video di Manolo Lanaro

 

Il Movimento tenta di voltare pagina dopo le polemiche sulla giunta Raggi e le difficoltà degli inizi. Ieri c’è stato l’addio del sindaco di Parma Federico Pizzarotti, sospeso da quasi quattro mesi per aver tenuto nascosta l’indagine poi archiviata sulle nomine al Teatro Regio. Grillo ha risposto con un blog dal titolo “Arrivederci Pizza ciao”, a cui il primo cittadino ha replicato dicendo che “è inumano”.

Intanto il M5s in rete festeggia il compleanno dei 7 anni. Il 4 ottobre del 2009 Grillo e Gianroberto Casaleggio presentavano il programma al teatro Smeraldo a Milano. Oggi il comico e il figlio del cofondatore si sono presentati a Montecitorio dove hanno spento le candeline insieme ai parlamentari. “Tante cose sono successe da allora”, si legge sul blog. “Allora ci chiamavano ‘altri’ nei sondaggi, non eravamo neppure considerati. Poi hanno iniziato a prenderci sul serio. I primi sindaci, la Sicilia, le elezioni del 2013 come forza politica più votata, Italia 5 Stelle, la marcia per il Reddito di Cittadinanza, i sindaci di Roma e Torino che Gianroberto non ha fatto in tempo a vedere”. E conclude: “Oggi siamo qui più forti e uniti che mai. Determinati ad andare avanti per proporre la nostra idea di Paese”.