Una vittoria del No al referendum costituzionale sarebbe un “passo indietro” per attrarre gli investimenti stranieri in Italia. E’ il parere dell’ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, John Phillips, intervenuto questa mattina a un convegno a Roma. Resta una “decisione italiana”, precisa, ma “l’Italia deve garantire di avere una stabilità di governo” proprio per attrarre investimenti. Perché, prosegue Phillips, “63 governi in 63 anni non danno garanzie”. Una posizione che il dipartimento di Stato Usa non commenta, mentre poco dopo arriva il parere dell’agenzia Fitch che prevede”uno choc per l’economia” in caso di bocciatura del quesito con rischi sul rating italiano. Risponde il silenzio imbarazzato di Palazzo Chigi e dei vertici Pd, polemiche dei sostenitori del No al referendum contro “l’indebita ingerenza” di un Paese straniero. L’endorsement nel giro di poche ore scatena l’inferno: da una parte il governo incassa quasi infastidito perché la nuova tendenza generale è quella di ammorbidire i toni e cercare di personalizzare il meno possibile la campagna, dall’altra le opposizioni gridano all’invasione.

Per l’ambasciatore Phillips, “il referendum offre una speranza e una opportunità per la stabilità di governo”. E quindi soprattutto per questo le grandi aziende “stanno osservando” quanto avviene in Italia. Tra le altre cose l’ambasciatore americano ha spiegato che Renzi “ha svolto un ruolo importante ed è considerato con grandissima stima da Obama che apprezza la sua leadership”. Il 18 ottobre il presidente del Consiglio italiano andrà a Washington per una cena di Stato alla Casa Bianca. Stesso tono anche quello del parere dell’agenzia Fitch. “Ogni turbolenza politica o problemi nel settore bancario – afferma il responsabile rating sovrani per Europa Medio Oriente Edward Parker – che si possano ripercuotere sull’economia reale o sul debito pubblico, potrebbe portare a un intervento negativo sul rating dell’Italia. Se ci fosse un voto per il no, lo vedremmo come uno shock negativo per l’economia e il merito di credito italiano”.

Parole che hanno provocato le proteste del fronte del No, dalla minoranza Pd alla Sinistra italiana fino al centrodestra e al Movimento 5 stelle. “Sono cose da non credere. Ma per chi ci prendono?”, commenta l’ex segretario dem Pier Luigi Bersani. “Qui c’è una cosa di fondo: aver allestito un appuntamento come fosse un giudizio di Dio darà fiato alla speculazione finanziaria e a tutti quelli che vogliono mettere mano sul nostro destino. Chi può deve raffreddare questo clima. Perché il giorno dopo il referendum, sarà tutto come il giorno prima. Con lo stesso governo e con gli stessi problemi. Teniamo i piedi per terra”.

Polemico anche il centrodestra. “Il signor ambasciatore Usa si faccia gli affari suoi e non interferisca, come troppe volte è già accaduto in passato, nelle vicende interne italiane – dichiara il segretario della Lega Nord Matteo Salvini – Spero che a novembre vinca Trump che ha già garantito che si occuperà delle questioni di casa sua. Se a votare sì al referendum sono i massoni, i banchieri e i poteri forti allora ancora più convintamente ci schieriamo per il no, ovvero per la libertà e il bene degli italiani”. Si aggiunge anche una buona parte di Forza Italia, che interviene con tre ex ministri.

“Più che un auspicio – dice il senatore Altero Matteoli – è un’entrata a gamba tesa ingiustificata negli affari interni dell’Italia, eseguita su delega di un presidente alla fine del suo mandato”. “Ricordiamo all’ambasciatore americano Phillips l’articolo 1 della nostra Costituzione: la sovranità appartiene al popolo…italiano” aggiunge il capogruppo berlusconiano alla Camera Renato Brunetta. “Convinti che la saldezza delle alleanze occidentali sia fondamentale per un Paese come l’Italia, ma anche che oggi come oggi Putin valga mille volte Obama – chiude il cerchio il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri – riteniamo che l’Italia non sia una colonia e che non sia compito dell’ambasciatore americano in Italia pronunciarsi sul referendum costituzionale”. Gasparri chiede le scuse di Phillips, “che dimostra una mentalità padronale degna di altri tempi”. Ma è anche l’altro fronte del no a saltare sulla sedia.

“Dopo Marchionne residente in Svizzera oggi arriva anche il Sì dell’ambasciatore statunitense nel nostro Paese. Tutto naturalmente per l’interesse degli italiani. #noidiciamoNo” ribadisce Nicola Fratoianni, componente dell’esecutivo di Sinistra Italiana. Critiche anche dal Movimento 5 stelle: “Dopo l’ambasciatore USA Phillips”, dice il senatore M5s Nicola Morra, “Renzi fa venire in suo soccorso l’agenzia di rating Fitch, perché si devono convincere gli italiani che non sia possibile fermare le riforme costituzionali. Alla prossima impiegherà, oltre TV e Confindustria, giornali ed establishment tutto, anche US Army?”. Così anche il deputato Alessandro Di Battista a “Otto e mezzo”: “Da parte dell’ambasciatore Usa sul referendum c’e stata un’ingerenza sguaiata, piuttosto grave. Vorrei ricordare che la sovranità appartiene al popolo italiano. All’ambasciatore vorrei chiedere se lui rappresenta il popolo nordamericano o qualche banca. Siamo alleati non siamo sudditi“.