Scacco matto in tre mosse: corsa, cuore e tattica. Così l’Italia di Conte ha battuto la Spagna e archiviato definitivamente una stagione di dominio nel pallone europeo. Ma sul fatto che la nazionale avrebbe corso tanto e messo tutto in campo nessuno aveva mai avuto dubbi. E il maestro ha un nome e un cognome.