Torna The Voice of Italy, il talent che non sforna talenti. Uno, volendo, potrebbe anche chiuderla qui. Ma in realtà, per motivi che sfuggono alla mente umana, The Voice continua, alla quarta edizione, a esserci e ad attirare l’attenzione di media e addetti ai lavori (un po’ meno del pubblico, ma vabbe’). Torna The Voice e, proprio in virtù di un passato non esattamente di quelli di cui poi ti vanti al bar con gli amici, presenta una serie di novità sulla carta interessanti, dallo svolgimento ai giudici. Proprio i giudici, a volerla dire tutta, sono stati, nel corso delle edizioni precedenti, il vero e solo punto di forza del talent di casa Rai, dimostrando che, a volte, i talent servono più a ridonare vita a artisti magari lapresin affanno che a far spiccare il volo a nuovi talenti. Andiamo nello specifico.