Matteo Renzi deve essere un allievo del professor Pangloss: vive nel migliore dei mondi possibili, come il suo predecessore Candide. Mentre tutto gli crolla intorno non trova di meglio che celebrare i (quasi) due anni di permanenza a Palazzo Chigi con un video e 24 slide intitolate #ventiquattro, come i mesi del nostro al governo.

Sì, va bene, la Borsa è finita nello sprofondo e il premier – dopo aver seppellito quattro banche per decreto a novembre – si trova di fronte a un settore in piena tempesta (ma “l’Italia non è l’epicentro della crisi”, s’è consolato nella sua e-news settimanale). Tutto vero, ma niente può turbare il Candido di Palazzo Chigi: la sua Italia è col “segno più”. A costo di fare qualche forzatura sui numeri o citare solo quelli che fanno comodo a lui o da fonti non propriamente ufficiali (Il Sole 24 Ore) o addirittura senza fonte (i dati sulla banda ultralarga) o in qualche caso diversi da quelli comunicati dal suo stesso governo (export alimentare). Potenza della rimozione, soprattutto di quella di anni di dura recessione causata da specifiche politiche che all’epoca Renzi disse di apprezzare (ci si riferisce alla lettera della Bce del 2011 che anticipò l’arrivo di Monti al governo).

L’Italia cresce. Due numeri: uno è grigio, l’altro è rosso; uno è l’Italia brutta prima di Renzi, l’altro è l’Italia bella con lui. A leggerli, viene da domandarsi come abbiamo fatto fino al suo arrivo. Il nostro è talmente straordinario come presidente del Consiglio che la sua sola presenza fa aumentare la produzione di auto in Italia: “338mila ieri” (quando non si sa), “675mila oggi”. Ha qualcosa a che fare con la ristrutturazione della produzione Fiat/Fca brillantemente realizzata grazie a massicce dosi di Cassa integrazione? Avrà una relazione con la ripresa mondiale del mercato dell’auto? Per carità, solo la presenza di Renzi per due anni al governo spiega il boom. La sua presenza – proprio alla maniera in cui il tocco di certi re medievali guariva dalle malattie – fa bene pure al Pil: “ieri” calava dell’1,9% (stavolta abbiamo risolto l’arcano: ieri è il 2013), oggi risplende di un magnifico +0,8%. Ingiustamente dimenticato il dato del 2014, quando nonostante Renzi recedemmo comunque dello 0,4%.

Matteo=fiducia. Anche gli italiani sono panglossiani, ci dice Renzi. L’indice di fiducia dei cittadini calcolato da Istat è passato da 94,5 (febbraio 2013) a 118,9. Questo dato è di gennaio 2016 ed è curiosa l’esclusione dell’indice di fiducia delle imprese: anche quello è aumentato dal 2013, solo che scende negli ultimi mesi (era a 107 a ottobre, ora è a 101).

Draghi? No, io. Una delle slide è davvero meravigliosa, ma forse poco lungimirante mentre tornano le tensioni sullo spread. Il rendimento dei titoli di Stato a 10 anni è passato dal 3,7% del gennaio 2013 (ieri) all’1,7% attuale. Niente a che fare con Draghi e il Quantitative easing della Bce: da quando c’è Lui il “rischio Paese” in Italia non esiste più.

Con lui si lavora. Secondo Renzi “ieri” la disoccupazione era al 13,1%, oggi è all’11,4. Se uno guarda con attenzione i dati Istat, scopre che “ieri” è il novembre 2014, mese scelto non si sa perché. Magari perché a febbraio, quando il nostro arriva a Palazzo Chigi, la disoccupazione era al 12,1% e il calo non faceva tutta questa impressione. Nella fretta di una slide, peraltro, non si può neanche ricordare che il tasso di occupazione (la gente che lavora) è rimasto fermo, mentre la forza lavoro è calata.

Pure sulla disoccupazione giovanile il giochino è lo stesso: “ieri” era al 43,6, oggi al 37,9. Solo che ieri era agosto 2014 e Renzi era già lì da sei mesi. Peraltro anche il dato di “oggi” non è tanto da festeggiare: in questi due anni gli “inattivi” (chi non lavora e non cerca lavoro) tra i 15 e i 24 anni sono aumentati (il tasso è salito dal 72,9 al 74,1%). Anche sulla Cassa integrazione siamo lì: il calo è spettacoloso, va bene, numeri dimezzati, ma forse c’entra anche il fatto – ammesso dall’Inps – che i dati sono condizionati dal fermo amministrativo per la cassa ordinaria (in molte province non si raccolgono i dati) e dal fatto che quella in deroga non è più finanziata. Forse.

Evasione mai più. È record nel recupero, dice la slide: ieri erano 13,1 miliardi, oggi siamo a 14,5. Intanto ieri era il quarto anno di una pesante recessione e la sentono anche gli evasori e comunque il dato pare stagnante: nel 2014 il recupero era 14,2 miliardi. Piccola nota finale: in questa cifra finisce pure il recupero di Equitalia delle multe non pagate.

Bugie sulla sanità. Qui non siamo riusciti a risolvere l’arcano, comunque Renzi sostiene a mezzo slide di aver aumentato i fondi al Servizio sanitario nazionale: “ieri” spendevamo 106,4 miliardi, “oggi” 111 miliardi. Questi soldi di ieri sono “dati Mef”, ci dice Matteo, cioè dati del Tesoro. Saranno dunque veri, solo che non si sa l’anno: dalle tabelle del Tesoro risulta che per la sanità spendevamo 109miliardi nel 2009, 110 nel 2012 e oltre 110 miliardi l’anno scorso. La spesa sanitaria, dicono gli esperti, aumenta del 2% l’anno solo per tecnologia e prezzi dei medicinali: spendere sempre la stessa cifra vuol dire tagliare. Renzi, va ricordato, a luglio 2015 aveva promesso alle Regioni 115 miliardi.

Da il Fatto Quotidiano del 10 febbraio 2016