Scende di due punti la fiducia in Matteo Renzi e nel governo. E i primi tre partiti italiani registrano una lieve flessione nelle intenzioni di voto. Sono queste le rilevazioni dell’Istituto Ixè in esclusiva per Agorà (Raitre). Nella prima indagine dopo la pausa natalizia, il Pd passa dal 33,7% al 33,4% mentre il Movimento 5 Stelle si assesta al 26% (-0,1%). La Lega Nord, invece, cala dello 0,2% (dal 13,9% al 13,7%) a differenza di Forza Italia, che sale dal 10,9% all’11,1%. Se si votasse oggi, l’affluenza sarebbe al 66,5%.

Scende invece di 2 punti rispetto a dicembre (32%) la fiducia nel presidente del Consiglio Renzi, secondo l’Istituto di Roberto Weber. Stessa flessione per la fiducia nel governo, tornata al 29% come due mesi fa. Sempre saldamente in testa, tra i leader politici, Sergio Mattarella al 59% (-2%). Più in alto di tutti Papa Francesco, stabile da settimane al 90%.

Questo il quadro complessivo delle intenzioni di voto (tra parentesi la variazione percentuale rispetto alla scorsa settimana): – PD 33,4% (-0,3). – M5S 26,0% (-0,1). – LEGA NORD 13,7% (-0,2). – FI 11,1% (+0,2). – FDI 4,4% (-0,1). – SINISTRA ITALIANA 4,3% (-0,1). – AP (NCD+UDC) 3,4% (+0,3). – PRC 1,5% (+0,2). – VERDI 0,5% (+0,1). – SC 0,4% (-0,1). – IDV 0,4% (+0,2).

La rilevazione è stata effettuata da Ixè per Agorà-RAI 3 il 7/1/2016. Metodologia di rilevazione: sondaggio CATI-CAMI su un campione casuale probabilistico stratificato di 1.000 soggetti maggiorenni (su 9.246 contatti complessivi), di età superiore ai 18 anni. I dati sono stati ponderati al fine di garantire la rappresentatività rispetto ai parametri di sesso, età e macro area di residenza. Margine d’errore massimo: +/-3,1%.