Il fondo sovrano azero State Oil Fund della Repubblica dell’Azerbaijan ha raggiunto un accordo per acquistare Palazzo Turati, storica sede della Camera di Commercio di Milano, in via Meravigli. Si tratta di un palazzo costruito nel 1880 dagli ingegneri Ponti e Bordoli su commissione dei conti Turati che già nel 1876 avevano fatto costruire il palazzo adiacente. Il prezzo è di 97 milioni di euro. Si tratta, segnala Sofaz in un comunicato sul proprio sito internet, della prima acquisizione immobiliare realizzata dal fondo statale della Repubblica azera in Italia. La proprietà viene venduta da Tecnoholding, finanziaria partecipata dalle Camere di Commercio. Ad agire per conto di Sofaz è stata la Coima dell’immobiliarista Manfredi Catella, che costituirà un fondo immobiliare ad hoc.

Sofaz è il braccio con cui il presidente azero, Ilham Aliyev, rampollo di una famiglia al potere dal 1991, gestisce gli investimenti finanziari. Socar si occupa invece degli investimenti industriali negli idrocarburi, come il gasdotto Tap destinato a portare il gas del giacimento di Shah Deniz in Europa, con approdo finale a Melendugno, in provincia di Lecce.

Il fondo sovrano del Paese produttore di petrolio, secondo quanto riporta Il Sole 24 Ore, aveva in precedenza partecipato al bando di gara per l’acquisizione dell’ex sede centrale dell’Unicredit in piazza Cordusio, sempre nel capoluogo lombardo, comprata poi dal gruppo cinese Fosun per 345 milioni di euro.