ESCLUSIVA – MASSIMA INSICUREZZA, POLIZIOTTI SENZA I GIUBBOTTI ANTIPROIETTILE
Altro che Robocop. Per il Giubileo a Roma ci saranno 24 mila agenti: in tutta Italia ci sono soltanto 12 mila pettorine di protezione (di cui “valide” 3.300). Di Silvia D’Onghia

L’editoriale di Marco Travaglio
Sempre nell’ambito di quel cubitale FORSE che deve precedere ogni discorso sulle soluzioni alla guerra, al terrorismo, all’Isis e dintorni, è forse il momento di discutere seriamente del Giubileo della Misericordia indetto da papa Francesco tra l’8 dicembre 2015 e lo stesso giorno del 2016.

GLI AFFARI DI MORETTI: “SOLDI ALL’ISIS? NON È UN PROBLEMA NOSTRO”
L’amministratore delegato di Finmeccanica scarica ogni responsabilità sugli effetti degli scambi con i sauditi. Di Gianluca Roselli

L’INTERVISTA – ROBERTI “PER QUESTI TERRORISTI INTERNET È UN’ARMA VINCENTE, NOI SIAMO MOLTO PIÙ INDIETRO”
Il procuratore nazionale antimafia risponde alle domande di Enrico Fierro: “In Europa serve più collaborazione”

GIUBILEO, LA PORTA SANTA APRE PRIMA DEL CANTIERE
A Roma lavori in corso solo in 8 punti su 22. E saranno pronti solo a gennaio. Di Antonio Monti

IL “GRANDE GIOCO” MEDIORIENTALE
Stefano Feltri disegna la mappa di schieramenti e interessi per i quali nessuno dei protagonisti sembra aver cambiato strategia per contenere l’Isis.

ALAH E LA SORTE MISTERIOSA DEL “SOLITO SOSPETTO”
Abaaoud. È morto nel raid a Saint Denis, l’imbeccata dai Servizi marocchini: per i francesi era il reclutatore delle cellule di Parigi e del Belgio e ha preso parte a 4 dei 6 assalti. Da Parigi, Leonardo Coen

VALLS FA L’ITALIANO E SCARICA LE COLPE SUGLI 007 ALLEATI
Nessuna critica all’intelligence, la Camera proroga lo stato d’emergenza. Da Parigi, Stefano Citati

FAIDE, STRAGI E LUSSI: LA SAGA FEROCE DEGLI ASSAD
Roberta Zunini racconta i padroni della Siria. Un regime violento e sanguinario: la presa di potere del ’71, la repressione, i dollari e gli odi in famiglia.

BORSELLINO QUATER, NAPOLITANO RIPROVA A “SFILARSI”
L’ex capo dello Stato scrive una lettera alla Corte d’Assise di Caltanissetta nella quale definisce “irrilevante” la sua testimonianza prevista per il 14 dicembre. Di Sandra Rizza

VOGLIONO “IL CANE DI DOTTI” ALLA CORTE COSTITUZIONALE
Michele Saponara, berlusconiano di ferro ed ex legale di Previti, proposto per la Consulta. Così lo chiamò Giuliano Ferrara. Di Antonella Mascali e Valeria Pacelli

A2A, NIENTE TICKET AI LAVORATORI E MANAGER STRAPAGATI
L’ad della multiservizi lombarda prevede prevede 130 milioni di risparmi sui costi fissi (46 sul lavoro). Intanto però assume dirigenti da 400 mila euro l’anno. Di Gianni Barbacetto

CONFLITTI D’INTERESSE DI STANDARD &POOR’S, “IL TESORO ALL’OSCURO”
Nel 2012 Morgan Stanley si fece pagare dallo Stato 3 miliardi dopo la bastonata all’Italia inflitta dall’agenzia di cui era azionista. Di Giorgio Meletti

RIMASUGLI – JUNCKER, FORSE NON SAPETE CHI È QUEST’UOMO: EPPURE LO DICE LUI La rubrica di Marco Palombi
Jean Claude Juncker oggi è presidente della Commissione Ue, prima lo è stato dell’Eurogruppo e prima ancora del Lussemburgo (e ci sono in corso spiacevoli indagini sulle politiche fiscali di quel Paese durante il suo governo).

LO SPECIALE – NORIMBERGA O DELL’IPOCRISIA DEI VINCITORI
Il primo processo mediatico fu un male necessario. Gli interventi di Massimo Fini e Daniela Ranieri

IL LIBRO – AMICI DI CERTI MOMENTI
Dal rimpianto di Tabucchi (“un amico che non ho mai conosciuto”) a quel “pirla” da Garzanti. Gli incontri di Andrea Camilleri

IL COMMENTO – I NOSTRI PRIVILEGI STANNO SCADENDO
Rimbambiti dalle playstation che buttano sangue senza sporcare, ottenebrati dalle vacanze in crociera, dove si mangia otto volte al giorno se si fa finta di girare il mondo stando fermi dentro una nave, assuefatti dalle asscurazioni family efficaci contro tutti i rischi, inclusi gli insetti, alle case con aria condizionata, ci siamo persuasi che la vita non abbia conseguenze. Di Pino Corrias