foto kamikazeAncora non ha un nome. Sorride, mentre si fa un selfie con il suo ipad, riflesso nello specchio. Addosso, in bella vista, ha la cintura imbottito d’esplosivo, da kamikaze. Sembra la stanza da bagno d’una camera d’albergo. Davanti a lui un tubetto di dentifricio ed un bicchiere. Dietro di lui, la vasca da bagno, e appoggiata sull’orlo, una camicia a quadri. Le tapparelle sono abbassate, perché da fuori non possa vedere nessuno. La didascalia della foto lascia pochi dubbi: “Fonti indicano che questo è uno dei fratelli che ha compiuto gli attacchi benedetti di Parigi #ParisAttacks.” Non ha un nome, ma questo sarebbe uno degli 7 uomini che si sono fatti saltare in aria, a Parigi, poche ore dopo.

Questa foto è stata postata su uno dei social network preferiti dai jihadisti dell’Isis. Di certo è stata postata da Khilafah News, in pratica una sorta di ufficio stampa dell’Isis. Sullo stesso social network stamattina Khilafah News aveva postato il messaggio in cui l’Isis rivendicava gli attentati di Parigi. Ma si tratta di un falso, come dimostrato dallo stesso soggetto ritratto nella foto poche ore più tardi. L’uomo, un critico di videogiochi canadese, ha postato l’originale in cui non compaiono né cintura esplosiva né il Corano né altri oggetti.

di Andrea Casadio

Aggiornato da redazione web alle 15.35 del 15 novembre 2015